Insediato l’Osservatorio per il patrimonio culturale immateriale campano

Questa mattina la Presidente del Consiglio regionale, Rosetta d’Amelio, ha insediato presso la Sala Caduti di Nassiriya “l’Osservatorio permanente per il patrimonio culturale immateriale della Campania”, istituito ai sensi della legge regionale n.38 del 2017.

“Oggi iniziamo un percorso interessante – ha dichiarato la Presidente D’Amelio –  con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio culturale immateriale e le pratiche connesse alle tradizioni, alle conoscenze, ai saper fare della comunità campana, dotandoci di uno strumento nuovo con il quale metteremo in rete e sinergia le nostre eccellenze e vigileremo su eventuali abusi nell’utilizzo dei riconoscimenti UNESCO”.

L’Osservatorio è presieduto dal Presidente del Consiglio regionale, Rosetta D’Amelio, ed è composto dal Presidente della Commissione Istruzione e Cultura, Tommaso Amabile, dal Consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, dalla Delegata del Presidente della Giunta Regionale, Dott.ssa Nadia Murolo, dalla Dirigente della struttura amministrativa regionale competente,  Dott.ssa Rosanna Romano, e da tre esperti in gestione e valorizzazione del patrimonio culturale immateriale, Dott. Lorenzo Calò, Dott.ssa Raffaella Ciaravola e il Dott. Pasquale Persico.

Previous Presentazione del nuovo libro di Samuele Ciambriello: “Caro prof ti scrivo… Gli adolescenti scrivono al docente di religione”
Next Economia sommersa e illegale valgono 210 mld

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Stefano Graziano è il nuovo presidente regionale del Partito Democratico

Durante la lunga giornata di ieri, il Partito Democratico ha ritrovato l’unità eleggendo Stefano Graziano come suo presidente e la classe dirigente regionale, dopo mesi dal congresso che aveva eletto

Qui ed ora

INCENDI SUL VESUVIO,INTERROGAZIONE DI PEDICINI(M5S) ALLA UE:”COME SONO STATI SPESI 77 MILIONI DI EURO ASSEGNATI ALLA REGIONE CAMPANIA PER LA PREVENZIONE?”

L’eurodeputato del M5S Piernicola Pedicini ha presentato un’interrogazione alla Ue per fare chiarezza sui fondi europei utilizzati per prevenire e fronteggiare i drammatici incendi che la scorsa estate hanno colpito

Qui ed ora

MATTEO RENZI, CHE COSA CAMBIERÀ CON LE RIFORME

Da quando si è insediato al governo, non c’è stato giorno che Matteo Renzi non abbia ricordato al parlamento e all’Italia tutte le riforme che ha in mente di attuare.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi