INTERCETTAZIONI: IL CONSIGLIO DEI MINISTRI HA APPROVATO SU PROPOSTA DEL MINISTRO ORLANDO IL DECRETO CHE RIFORMA LA DISCIPLINA DELLE INTERCETTAZIONI

Il Consiglio dei ministri ha approvato, su proposta del ministro della Giustizia Andrea Orlando, il decreto legislativo che riforma la disciplina delle intercettazioni, che  dovrà ora passare all’esame delle commissioni Giustizia per i pareri e poi tornare in Cdm.

Noi non limitiamo l’uso delle intercettazioni ma contrastiamo l’abuso, sappiamo che questo strumento è fondamentale per le indagini e in nessuno modo vogliamo limitare la possibilità di disporre di uno strumento per la magistratura fondamentale per contrastare i reati più gravi ma è evidente che in questi anni ci sono stati frequenti abusi” così si è espresso il premier Paolo Gentiloni sulla legge aggiungendo che ” la riforma delle intercettazioni, su cui vari governi si sono applicati senza però riuscire a portarla a termine, disciplina un uso più stingente (degli ascolti, ndr) senza ledere il diritto di cronaca”. Il Ministro Orlando , invece ha sancito che: “Il provvedimento sulle intercettazioni affronta un tema annoso, non restringe la facoltà dei magistrati di utilizzare le intercettazioni, abbiamo messo una serie di vincoli che non restringono la capacità di indagine ma riducono il rischio della fuga di notizie se non sono legate a fatti penalmente rilevanti. Le intercettazioni non sono disposte per far luce sulla sfera personale dei singoli ma per perseguire reati“. Viene poi istituito presso l’ufficio del pm un archivio riservato delle intercettazioni la cui “direzione” e “sorveglianza” sono affidate al procuratore della Repubblica e il cui accesso  registrato con data e ora . Inoltre, sarà consentito solo a giudici, difensori e ausiliari autorizzati dal pm.La riforma semplifica inoltre l’impiego delle intercettazioni nei reati più gravi contro la pubblica amministrazione commessi da pubblici ufficiali, uno strumento per rendere più efficace il contrasto alla corruzione. Fatto salvo il diritto di cronaca, è previsto il carcere fino a 4 anni per chi diffonde riprese audiovisive e registrazioni di comunicazioni utilizate per danneggiare “la reputazione o l’immagine altrui”.Quanto ai mezzi per intercettare, si delimita l’uso dei “trojan”, ossia i captatori informatici, in pc o smartphone.

Previous CHAMPIONS LEAGUE , I RISULTATI DELLA QUARTA GIORNATA DELLA FASE A GIRONI : LA ROMA STENDE IL CHELSEA, BUON PARI PER LA JUVENTUS CONTRO LO SPORTING LISBONA ! GRANDI SUCCESSI PER TOTTENHAM E LIVERPOOL
Next Ue, Pittella, l'accordo con Mercosur è anche messaggio politico: "Siamo due regioni legate dalla storia dei nostri popoli"

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

In una intervista ad Eugenio Scalfari:G20, l’appello del Papa: “No ad alleanze contro i migranti”

No ad alleanze contro poveri e migranti. E’ l’appello che papa Francesco rivolge ai Capi di Stato riuniti ad Amburgo per il vertice G20 in un’intervista al fondatore di ‘Repubblica’

ultimissime

Caso Consip, Renzi: “Finito tempo del buonismo, chiederò danni”.

“Il tempo del buonismo è finito, ho chiamato un avvocato, sono pronto a chiedere un risarcimento danni a tutti quelli che li hanno combinati. Per me la parte di quello

ultimissime

ELIO PARIOTA:DATI ISTAT,IL POVERO CHE AVANZA.CHE FARE?

L’Istat ci ha appena consegnato l’ennesimo rapporto da brivido: i poveri avanzano. In Italia ne abbiamo circa 8 milioni di cui quasi 5 in condizioni di povertà assoluta, ossia privi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi