Israele, torna altissima la tensione al confine con la Siria, colpiti diversi obbiettivi siriani

Al confine tra Israele e Siria, la crisi si colloca al massimo livello di allerta. Nella notte, secondo notizie battute dalle agenzie internazionali l’aviazione israeliana ha lanciato decine di raid oltre il confine. La difesa israeliana è scattata dopo che, il sofisticato sistema di difesa denominato Iron Dome,  ha intercettato alcuni missili diretti verso il territorio israeliano. L’attacco è stato  definito dai militari  «molto grave». Il suono cupo e triste delle sirene si fatto sentire a lungo in tutte le località israeliane al confine con la Siria.  L’area interessata è stata sgomberata ed in molti casi, i civili si sono chiusi nei rifugi. Da qualche ora la situazione sembra essere ritornata alla normalità,  con un particolare non di poco conto,  il dispositivo della sicurezza israeliano ha alzato la soglia dello stato di allerta. Israele, ha palesato la responsabilità di tali atti a Teheran. Il portavoce militare israeliano ha dichiarato «In seguito al lancio di razzi verso il Golan ieri da parte di una forza iraniana situata in territorio siriano, Israele ha colpito questa notte decine di obiettivi militari in Siria». La stessa fonte, citata dalla Reuters e da altre agenzie internazionali, ha riferito che «sono stati centrati obiettivi della Forza Quds iraniana» ed obiettivi delle forze armate siriane. Inoltre, fonti militari hanno riferito che, durante uno dei raid, da una batteria di difesa aerea è stato lanciato un missile verso gli aerei da combattimento israeliani ha aggiunto il portavoce israeliano «malgrado i nostri chiari avvertimenti. Israele continuerà a operare contro l’approfondimento della presenza militare iraniana in Siria». Inoltre, fonti militari hanno riferito che, durante uno dei raid, da una batteria di difesa aerea è stato lanciato un missile verso gli aerei da combattimento israeliani, di conseguenza, hanno precisato le stesse fonti , sono state distrutte anche alcune batterie di difesa aerea siriana. Intanto, la situazione resta molto tesa in Cisgiordania, soprattutto  dopo la decisione statunitense di considerare legali gli insediamenti israeliani. Si temono infatti proteste ed escalation  soprattutto presso Gerusalemme est.

A cura di Raffaele Fattopace

Previous Mariarca, uccisa dall’ex marito. L'appello il 12 Dicembre
Next Scienza, trovato il segreto dell’eterna giovinezza

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Emma Bonino a Napoli: l’intervento a Capodimonte su rilancio del Sud, diritti e giustizia secondo +Europa

Intervenendo a Capodimonte nell’ambito di un incontro organizzato da +Europa a Napoli nell’Ipogeo della Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio, Emma Bonino ha parlato a tutto tondo degli obiettivi della

Economia e Welfare

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA “LEGALIZZIAMO!” A NAPOLI

Martedì 26 Luglio alle ore 11.00 si terrà presso il Caffé Letterario “Intra Moenia” in Piazza Bellini, una conferenza stampa di presentazione della campagna “Legalizziamo!”, legata alla proposta di legge

Economia e Welfare

Camorra: Il sindaco di Sorrento nega l’evidenzia

  Il sindaco di Sorrento nega l’evidenzia. Dopo 5 lunghi anni ci ripensa . Intanto La camorra dilaga. con  Investimenti , prestatomi e droga sono frequenti eppure ci sta ancora

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi