Istat: Boom dei contratti a termine

Nel terzo trimestre del 2018 gli occupati diminuiscono di 52.000 (-0,2%) unità rispetto al trimestre precedente ma aumentano di 147.000 unità (+0,6%) rispetto al terzo trimestre del 2017. Lo rileva l’Istat nel report sul mercato del lavoro, sottolineando che il tasso di occupazione resta stabile al 58,7%.

Diminuiscono soprattutto i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato (-0,7% sul trimestre precedente e -1,5%, pari a un calo di 222.000 unità, rispetto al terzo trimestre 2017). Gli occupati sono 23.255.000. Il tasso di disoccupazione nel terzo trimestre cala al 10,2% con una riduzione di 0,5 punti rispetto al trimestre precedente e una riduzione di 1,2 punti rispetto allo stesso trimestre del 2017. Lo rileva l’Istat sulla base dei dati destagionalizzati sottolineando che è aumentato il tasso di inattività (al 34,5%, +0,4 punti). I disoccupati sono 2.653.000 con una riduzione sia congiunturale (-5,1%) sia tendenziale (-12,1%, pari a un calo di 332.000 unità).
Nel terzo trimestre del 2018 gli occupati a termine erano 3.112.000, il valore più alto dal 1992.

Previous CONSIGLIO APPROVA LEGGE CHE ISTITUISCE FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO, SCOLASTICO E FORMATIVO A FAVORE DELLE VITTIME INNOCENTI DI CAMORRA, DEI REATI INTENZIONALI VIOLENTI E DEI LORO FAMILIARI
Next SCRITTI SULLA PITTURA DEL SEICENTO E SETTECENTO NAPOLETANO

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Turismo. Qualità dell’accoglienza: al 1° posto Bologna, Napoli ottava

Nel prodotto turistico la componente umana ricopre un ruolo decisivo e nel turismo il “carrello della spesa” è composto da beni irriproducibili ad esempio i beni culturali e le bellezze

Economia e Welfare

In memoria di monsignor Antonio Riboldi :La Chiesa di Acerra ricorda il 40esimo anniversario dell’arrivo del Vescovo in Diocesi

La Chiesa di Acerra ricorda il vescovo monsignor Antonio Riboldi. Il 9 aprile 2018 alle ore 18.30, nella Cattedrale dove il suo corpo riposa dal 13 dicembre 2017– don Riboldi

Economia e Welfare

FLUSSI MIGRATORI GRANDI CITTÀ. DA DOVE ARRIVA CHI COMPRA CASA? A Firenze e Milano le percentuali più alte di acquirenti da altre province A Genova, Verona e Roma comprano quasi esclusivamente persone già residenti in città

Per ogni grande città si è calcolata la percentuale di acquirenti già residenti in città, che arrivano dall’hinterland e che provengono da altre province italiane. L’analisi ha messo in evidenza

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi