Istat, export recupera a gennaio, +2,5%

A gennaio 2019 le esportazioni italiane sono in recupero (+2,5%) rispetto a dicembre, mentre le importazioni si riducono (-4,1%). Lo comunica l’Istat. Anche su base annua l’export cresce +2,9% con un’espansione sia nell’area extra Ue (+5,4%) sia, in misura più contenuta, nei paesi Ue (+1,2%). I mercati extra Ue trainano anche sul dato mensile (+5,9%), mentre quelli Ue sono stazionari. I paesi che contribuiscono di più alla crescita dell’export sono Stati Uniti (+18%), Svizzera (+13,0%), Francia (+3,3%) e Regno Unito (+6,1%).
Tra i settori più dinamici per le esportazioni a gennaio, l’Istat segnala articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+19,2%), macchinari e apparecchi n.c.a. (+6,2%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+5,2%), prodotti alimentari, bevande e tabacco (+5,9%) e articoli in pelle, escluso abbigliamento, e simili (+8,3%)

Previous DHEITI il primo giorno di primavera esce l’EP d’esordio “REBIRTH”
Next QUALIFICAZIONI EUROPEI ,ITALIA-FINLANDIA :2-0 . OTTIMO ESORDIO PER GLI AZZURRI DI MANCINI !

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Domanda e offerta: trilocale il più ricercato I tagli grandi sono ancora in vetta alle richieste

Continua il trend positivo del mercato immobiliare italiano che vede un aumento della domanda e di conseguenza delle compravendite, come confermato anche dall’Agenzia delle Entrate. I prezzi iniziano a riprendersi

Economia e Welfare

UNA STAFFETTA PER L’EUROPA : UN PREMIO PER LE ASSOCIAZIONI

“Stiamo presentando un Premio per l’Europa, con il maggio europeo che la Regione ha già deliberato e con riferimento alla legge regionale sui giovani”. Lo ha dichiarato oggi l’assessore ai

Economia e Welfare

10 anni dim lotte contro la discarica del Vesuvio. Boscotrecase. Un albero per la memoria

Il Comitato Cittadino di Boscotrecase, a dieci anni dalla grande mobilitazione popolare a seguito della tragica apertura della “discarica del Vesuvio” vuole fare memoria di questi anni di lotta e di impegno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi