Istat: imprese italiane utilizzano poco le tecnologiche digitali

Le imprese italiane sono “orientate alla ricerca di opportunità di innovazione”, ma hanno “ancora scarso feeling con le tecnologie digitali”. E’ quanto rileva il Censimento permanente delle imprese 2019 dell’Istat.

Nel periodo 2016-2018 oltre tre quarti (il 77,5%) delle imprese con almeno 10 addetti ha investito in almeno una delle 11 tecnologie individuate come fattori chiave di digitalizzazione.

Ma “l’utilizzo è limitato” e c’è “una priorità agli investimenti infrastrutturali (soluzioni cloud, connettività in fibra ottica o in mobilità, software gestionali)”.

Le applicazioni più complesse e con un maggiore impatto sui processi aziendali “si diffondono più lentamente”: solo il 16,6% delle imprese ha adottato almeno una tecnologia tra Internet delle cose, realtà aumentata-virtuale, analisi dei Big data, automazione avanzata, simulazione e stampa 3D. “Si tratta di un valore che testimonia una transizione in corso e un ampio potenziale di crescita”.

Il discrimine dimensionale c’è ma non è molto ampio: hanno effettuato investimenti digitali il 73,2% delle imprese con 10-19 addetti e il 97,1% delle imprese con 500 addetti e più. Meno significative sono le differenze territoriali, dal 73,3% nel Mezzogiorno, al 79,6% nel Nord-est. In termini di investimenti attesi tra il 2019 e il 2021, si osserva una tendenza a rafforzare gli investimenti infrastrutturali, in primo luogo sicurezza (+33,5% in termini di numero di imprese) e connessione al web (+13,1%).(ANSA).

Previous A Carnevale ogni dolce vale! Regione che vai, golosità che trovi
Next L'importanza di dare un nome preciso a virus o malattie

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

CORI E L’ANTICO BORGO. II CONCORSO DI ESTEMPORANEA DI PITTURA DEDICATO AL MAESTRO FRANCESCO PORCARI

In occasione delle festività natalizie e nell’ambito delle iniziative della II edizione del “Natale Insieme”, l’Associazione culturale Event Art, con il patrocinio del Comune di Cori, della Proloco Cori, e

Economia e Welfare

Marciano: «Abbiamo perso la partita dei fondi europei e rischiamo l’ipoteca sulla prossima»

«Un cittadino italiano, in qualsiasi momento e da qualsiasi posto, può sapere lo stato dei progetti finanziati e come sta procedendo il programma operativo». La tracciabilità dei fondi europei, in

Economia e Welfare

Tumore al colon-retto, Delrio: possiamo ridurre sempre più i viaggi della speranza

“Io mi curo al sud è l’espressione di una realtà costantemente confermata dalle attività che stiamo portando avanti. Soprattutto nella rete oncologica campana sono state messe in atto delle azioni

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi