ISTAT, IN ITALIA UN MILIONE DI FAMIGLIE SENZA LAVORO

In Italia è rimasta stabilmente sopra il milione la conta delle famiglie senza lavoro e quindi senza stipendio. Sono, per la precisione, 1.085.000 i nuclei che secondo la statistica dell’Istat sono composti da persone abili al lavoro, ma in cerca di occupazione. Una piaga che colpisce particolarmente il Sud, dove si situano 587mila casi: più della metà. Rispetto allo scorso anno non cambia pressoché nulla: si passa da 1 milione 92 mila a 1 milione 85 mila (-0,7%). Si tratta di “case” dove tutti i componenti attivi, che partecipano al mercato del lavoro, sono disoccupati. Sono 970 mila le famiglie, con e senza figli, dove la donna risulta occupata a tempo pieno o part time, mentre l’uomo è in cerca di occupazione o inattivo (pensionato o comunque fuori dal mercato del lavoro). E’ quanto emerge dalle tabelle dell’Istat aggiornate al 2016. Il dato riguarda i coniugi o i conviventi tra i 25 e i 64 anni. I dati sono stati ricavati dalle tabelle pubblicate dall’Istituto di statistica, come media dei risultati che l’Istat raccoglie trimestralmente nell’indagine sulle forze di lavoro: si riferiscono all’intero 2016. Le famiglie che non possono contare su alcun reddito sono il 6,6% di quelle presenti sul mercato del lavoro, ovvero 16,5 milioni. Il contraltare a quel milione di famiglie “a zero occupazione” sono i 13,9 milioni in cui tutte le forze lavoro sono impiegate.

 

Previous CLEMENTINO ALLA GAZZETTA DELLO SPORT PER PARLARE DI MUSICA E CALCIO
Next Stop al Bilancio, M5S: De Luca bocciato nuovamente dal Governo. Fatto grave

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

ROMA , XVI SESSIONE DEL “CONSIGLIO ITALO-RUSSO “PER LA COOPERAZIONE ECONOMICA

Si è svolta a Roma, presso la Farnesina la XVI sessione plenaria del «Consiglio italo-russo per la cooperazione economica, industriale e finanziaria» (CIRCEIF). La sessione è stata preceduta da una

Economia e Welfare

CITTA’ DELLA SCIENZA, DE LUCA:” NOI POSSIAMO ANCHE COMMISSARIARE MA CITTA’ DELLA SCIENZA HA BISOGNO DI DECINE DI MILIONI DI EURO PER ANDARE AVANTI”

“Oramai mi scrivono anche per le previsioni del tempo. Sono rassegnato. Tanto per essere chiari: l’unica che paga è la Regione, Silvestrini ha interloquito già cinque volte con il capo

Economia e Welfare

I primi passi verso la banda larga in Italia : “È un diritto di tutti gli italiani”.

L’Agcom, Autorità garante delle comunicazioni, ha emanato la delibera relativa al diritto per tutti i cittadini nell’usufruire della  banda larga in Italia, proprio come avviene in tutti gli altri Paesi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi