Istat: natalità sempre in calo. E quasi un figlio su tre nasce fuori dal matrimonio

Secondo l’Istat, quasi un figlio su tre è nato fuori dal matrimonio. Alla luce dei dati diffusi dall’Istituto di statistica, infatti, nel 2018 la percentuale di nati fuori dalle nozze è stata del 32,3%; era l’8,1% nel 1995 e il 19,6% nel 2008. In generale, continuano a diminuire i nati: nel 2018 sono stati iscritti all’anagrafe 439.747 bambini, oltre 18mila in meno rispetto all’anno precedente e quasi 140mila in meno nel confronto con il 2008. Inoltre, il dispiegarsi degli effetti sociali della crisi economica – spiega l’Istituto di statistica – ha agito direttamente sulla cadenza delle nascite. Le donne residenti in Italia hanno accentuato il rinvio dell’esperienza riproduttiva verso età sempre più avanzate. Cresce l’età media alla nascita del primo figlio, che si attesta a 31,2 anni nel 2018 (tre anni in più rispetto al 1995).

Il persistente calo della natalità si ripercuote soprattutto sui primi figli che si riducono a 204.883, 79mila in meno rispetto al 2008. Il numero medio di figli per donna scende ancora attestandosi a 1,29; nel 2010, anno di massimo relativo della fecondità, era 1,46. Spetta al Nord il primato dei livelli più elevati di fecondità (1,32 nel Nord-ovest e 1,36 nel Nord-est), soprattutto nelle Province Autonome di Bolzano e Trento (rispettivamente 1,72 e 1,45), in Valle d’Aosta (1,38) e Lombardia (1,35). Al Centro e al Sud  i livelli di fecondità sono molto vicini (1,23 e 1,26) ma, rispetto all’anno precedente, entrambi presentano una flessione. A
livello regionale, la Sardegna presenta il piu’ basso livello di fecondità (1,02), ancora in diminuzione rispetto al 2017 (1,06).

Sembri anche che , la quota di nati con almeno un genitore straniero (96.578, in diminuzione dal 2012) è stata del 22%. I nati da genitori entrambi stranieri sono 65.444 (14,9% del totale dei nati). In totale, lo scorso anno si è avuto un calo del 4% di nati iscritti all’anagrafe nel 2018 rispetto al 2017. Il calo è attribuibile prevalentemente alla diminuzione dei figli di genitori entrambi italiani (-15.771 unità, l’85,7% del calo dei nati registrato nell’ultimo anno).

Leonardo e Sofia sono i nomi preferiti dai neo genitori. A livello nazionale, il nome Francesco perde il suo storico primato che lo ha visto come nome più scelto dal 2001. Nel 2018, passando in seconda posizione, Francesco è “spodestato” dal nome Leonardo. In terza posizione, stabile, è ancora Alessandro. Come lo scorso anno rimane invariata la graduatoria dei primi tre nomi femminili: Sofia, Giulia e Aurora.

Previous Milan-Napoli: termina 1 a 1 il match tra i fischi dei tifosi
Next L'omicidio di Mignano davanti alla scuola fu una faida tra clan: altri due arresti

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

IUS SOLI, GENTILONI PENSA DI BLOCCARE LA LEGGE METTENDO A RISCHIO IL GOVERNO

«Matteo, non ci sono le condizioni per forzare  Al Senato non abbiamo i numeri e, se mettiamo la fiducia, il governo cade” questa  è la spiegazione data da Gentiloni a

ultimissime

#BEACTIVE Lo sport è vita. CONI e Ministero del Lavoro insieme per l’integrazione

Lo sport è vita. Un investimento per il futuro” è il claim del workshop, dedicato alla Settimana europea dello sport, che si è svolto ieri nel Salone d’Onore del Coni

ultimissime

Di Maio: “Destabilizzare il Governo in questo momento è da incoscienti”

  I social diventano sempre più mezzo di comunicazione della politica, difatti, oggi Luigi Di Maio, vicepremier e capo politico del Movimento 5 Stelle, ha scritto un lungo post sul

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi