ISTAT: SECONDO UNA STIMA, SALE L’ASPETTATIVA DI VITA

Nel 2016 si sono avuti oltre 615 mila decessi tra i cittadini residenti, 32 mila in meno del 2015 (-5%). In rapporto al numero di residenti, nel 2016 sono deceduti 10,1 individui ogni mille abitanti, contro i 10,7 del 2015. Così dichiara  l’Istat. La riduzione nel numero di morti risulta territorialmente omogenea, pur risultando più ampia nel Nord-ovest (-5,6%) e nel Sud (-5,7%).

A 65 anni l’aspettativa di vita può arrivare  a 20,7 anni per il totale dei residenti, allungandosi di cinque mesi rispetto a quella registrata nel 2013. Lo rileva l’Istat mettendo conferma  alle stime. Quindi sulla base delle regole attuali l’età per la pensione di vecchiaia dovrebbe arrivare a 67 anni nel 2019.

Previous GENTILONI A MARGHERA:" GUARDO CON INTERESSE, RISPETTO, DISPONIBILITA' ALLA DISCUSSIONE APERTA DAI REFERENDUM SUL TEMA DELL'AUTONOMIA. SONO DISPOSTO A FARE DEI PASSI IN AVANTI"
Next Legge elettorale: Governo, cinque fiducie su Rosatellum .Alle 14 la prima fiducia, voto finale giovedì alle 12

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

ELIO PARIOTA.” PARADOSSO BREXIT, FAR STAMPARE IL PASSAPORTO ALL’AVVERSARIO!”

Neppure il tempo di riprendersi dalle fatiche di una estenuante negoziazione con l’Unione Europea in chiave Brexit, che la premier inglese Theresa May si trova ad affrontare un’ulteriore grana: la

Economia e Welfare

Giovanna Palma, deputato PD: “Promuovere i prodotti campani, da noi grandi eccellenze. Expo è un’opportunità”.

Campania e “Terra dei Fuochi” sono ancora al centro di tante polemiche. Se da un lato c’è chi sponsorizza i prodotti agricoli delle terre partenopee, casertane e non solo, dall’altro,

Economia e Welfare

ISTAT: IL PIL NELL’ULTIMO BIENNIO SI RAFFORZA, TRA LE LEVE C’E’ LA SPESA DELLE FAMIGLIE

L’Istat rivede la curva della crescita nel biennio 2015-2016. Infatti , il Pil nell’ultimo biennio si rafforza, vista la revisione al rialzo per il 2015 (da +0,8% a +1,0%) e la conferma per

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi