Istat: stabile fiducia nel Rapporto famiglie-imprese

E’ stabile a luglio il clima di fiducia dei consumatori e delle imprese. E’ questo il dato sottolineato dall’ Istat che evidenzia come  l’indice dei consumatori passa dai 116,2 punti di giugno a 116,3 a luglio mentre l’indice composito delle imprese si attesta a 105,4 da 105,5. Per le aziende “segnali negativi” provengono dai servizi e dal commercio al dettaglio, l’indicatore è stabile nell’industria e migliora nelle costruzioni. Per i consumatori la componente economica e quella futura dell’indice peggiorano, mentre tornano a salire il clima personale e quello corrente.
Si rafforza invece la crescita dell’indice di fiducia delle costruzioni che torna ai livelli di prima della crisi. A luglio l’Istat registra un miglioramento che porta l’indicatore a 139,9 punti, il livello massimo da oltre 11 anni, a maggio 2007 (quando era 140,2). A trainare sono i giudizi sugli ordini le attese sull’occupazione presso l’azienda.

Previous Alitalia, il Governo la vuole italiana al 51%
Next MOVECOIN: E' LA PRIMA APP CHE STIMOLA AD ANDARE A PIEDI O IN BICI, PAGANDO CHI LO FA

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

CAMPANIA, PALMIERI: “INTESA CON INPS PER IL PAGAMENTO, IMMEDIATO NASPI DEI LAVORATORI LICENZIATI A CAUSA DEL TERREMOTO DI ISCHIA”

“Oggi pomeriggio si è tenuto presso la sede dell’INPS Metropolitana il 2″ monitoraggio su cessazioni dei rapporti di lavoro a causa del sisma del 21 agosto. La riunione, strettamente operativa,

Economia e Welfare

PIANO RIFIUTI, IL GOVERNO ATTENDE LA RISPOSTA DA BRUXELLES: TENSIONI NEL TERRITORIO CAMPANO

“Presidentissimo, cosa hai fatto dei soldi stanziati dal governo per ripulire la terra dei Fuochi?” Esordisce così Matteo Renzi nei confronti di De Luca dal palco di Castelvolturno, chiedendo conto di un problema, quello dei

Economia e Welfare

Il Governo in questo baccano punta a bloccare gli aumenti dell’Iva

Ora, l’unica mossa da fare e tutelare i conti pubblici dalle turbolenze della politica. Una sfida assai più complicata, cercare di bloccare i 23 miliardi di aumenti Iva già stabiliti per

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi