Istituto penitenziario di Ariano Irpino, le parole del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede:”Occorre fare in modo che chi ogni giorno è chiamato a svolgere il proprio lavoro in un carcere , inizi a sentire con sé il sostegno”

“Occorre fare in modo che chi ogni giorno è chiamato a svolgere il proprio lavoro in un carcere, con professionalità e determinazione, inizi a sentire con sé il sostegno, la tutela e il riconoscimento concreto dello Stato, piuttosto che semplici parole di incoraggiamento in occasione di celebrazioni o notizie di eventi spesso tragici. Insomma, quando si parla di carceri dovremmo ricordare di più che oltre quelle mura c’è anche tanta gente che lavora, spesso fra grandi difficoltà: Polizia Penitenziaria, personale civile, operatori e volontari”. Così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede commenta quanto avvenuto ieri nell’istituto penitenziario di Ariano Irpino. “A loro – continua il ministro – va il mio abbraccio, in particolare ai tre assistenti capo coinvolti Giovanni Pierro, Claudio Picariello e Gino Grasso, e l’impegno a migliorare le condizioni delle carceri. Infine un ringraziamento al direttore della casa circondariale, Gianfranco Marcello, e al capo del Dap, Santi Consolo” conclude Bonafede. Sulla vicenda il Guardasigilli ha chiesto al capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria una relazione dettagliata di quanto avvenuto. Già nel pomeriggio di ieri, infatti, Santi Consolo, su disposizione del ministro, si era recato nel carcere per accertarsi personalmente dei disordini, poi rientrati, che si sono verificati nelle due sezioni dell’istituto campano.

Previous GOVERNO, PITTELLA: SCELTE ISOLANO ITALIA IN UE, NON BASTA VOCE GROSSA
Next Migranti: tregua Italia-Francia. Conte domani a Parigi.

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Scritte omofobe a Ospedaletto, D’Amelio: “Offendono chiunque combatte le discriminazioni”

“La vile e indecente scritta con la quale è stata imbrattata la targa anti transomofobia e violenza di genere scoperta ieri a Ospedaletto d’Alpinolo, nella giornata della Candelora, merita ferma

Economia e Welfare

LA MANSARDA: NEL CARCERE DI SECONDIGLIANO LUNEDI IL DOCUFILM Ni un pibe menos DEL REGISTA ANTONIO MANCO

Lunedì 29 gennaio 2018, presso il carcere di Secondigliano, nel reparto Mediterraneo in cui sono ristretti i detenuti comuni, si terrà un incontro con il regista Antonio Manco, il quale

Economia e Welfare

LEGGE ELETTORALE ,780 EMENDAMENTI .NEL POMERIGGIO SI VOTA.

Sono 780 gli emendamenti che complessivamente dovranno essere votati dalla Commissione Affari Costituzionali della Camera alla legge elettorale, a partire dalle 14 e 30 di oggi pomeriggio. Ai 417 già

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi