ITALIA , ARRIVANO I PRIMI “ROBOT MARINI “

Droni per il controllo delle acque e per il monitoraggio delle strutture subacquee, sistemi robotici per l’esplorazione delle profondità marine e delle aree archeologiche sommerse e anche imbarcazioni senza equipaggio per il soccorso in mare o il trasporto di merci. Dopo il boom dei droni aerei, anche in Italia si moltiplicano i progetti di nuovi robot per impiego in mare e nei laghi, come pure nei bacini idrici e nei grandi fiumi.

I maggiori esperti italiani di questo settore si daranno appuntamento in occasione del “Sea Drone Tech Summit 2018″, il primo congresso in Italia dedicato ai droni e ai robot per impiego marino e subacqueo, che si svolgerà nei giorni 16 e 17 novembre prossimi a Gallipoli (Lecce).”Sarà il primo evento italiano sui ‘sea drone’ e sulle loro applicazioni”, ha spiegato l’organizzatore Luciano Castro, “e ci consentirà di fare il punto sullo sviluppo e sulle prospettive di questa nuova tecnologia in Italia”.

Previous Il profilo su Facebook si eredita
Next GIOCATTOLI CONTRAFFATTI VENIVANO VENDUTI A BARI

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Exibart, con il marchio Exibart.edizioni, ha pubblicato il libro 222 ARTISTI EMERGENTI SU CUI INVESTIRE 2018 Selezionati dai più prestigiosi curatori, critici, giornalisti e gallerie d’arte

Il focus del libro: l’identikit dell’artista emergente italiano Sono talenti giovani, soprattutto under 35 come già detto, molti già segnalati nel mondo dell’arte, altri no, alcuni con una storia alle

Officina delle idee

IN ARRIVO UN NUOVO NETWORK, BLOCKCHAIN, PER GESTIRE IN SICUREZZA I DATI DIGITALI

Arriva una nuova piattaforma, che utilizza la tecnologia blockchain, per la conservazione, la gestione e la condivisione di dati digitali nei settori della pubblica amministrazione, sanità, banche e finanza. E’

Officina delle idee

Orlando: “Il carcere può essere un’occasione di riscatto”

Si è tenuto ieri presso la Casa Circondariale “Giuseppe Salvia – Poggioreale” Napoli, il dibattito sulla riforma penitenziaria degli ultimi 8 anni, dal titolo “2008-2014: analisi, proposte e criticità della

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi