“JE STO VICINO A TE”: IL MURALES DI PONTICELLI

“Je sto vicino a te” è la sesta opera di street art, dedicata al tema della solidarietà, che si trova Parco dei Murales di Ponticelli (Napoli Est) e realizzata dall’artista pugliese Daniele Nitti, in arte Hope.

Su un meraviglioso sfondo stellato, è stato rappresentato quello che sembra essere un piccolo villaggio, metafora di una periferia ideale dove, tra case e viuzze, sono stati disegnati, con grande eleganza di stile, bambini, ragazzi e adulti intenti a svolgere anche le più semplici mansioni di vita quotidiana. Tutti sembrano felici di collaborare l’un l’altro rinforzando così il significato di solidarietà come rapporto di fratellanza che unisce i membri di un’intera comunità. Le case, rese dall’artista come palafitte, sembrano insistere su una grande distesa d’acqua, collegate le une alle altre da tanti piccoli ponti, gli stessi che un tempo solcavano le acque del Sebeto che bagnavano il territorio orientale di Napoli prima che nel XX secolo venissero definitivamente cancellate dal rapido sviluppo industriale e dai quali deriva l’attuale nome del quartiere, Ponticelli.

Je sto vicino a te, il nuovo murales a Ponticelli

Previous Padre Bartolomeo Sorge:La mia Chiesa tra Martini e Bergoglio
Next NAPOLI , UNA STAGIONE DA RECORD : GLI AZZURRI ,SECONDI IN EUROPA PER MEDIA PUNTI

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Luca Barbareschi designato presidente della sezione Teatro del Premio Penisola Sorrentina 2018

Sarà Luca Barbareschi il presidente della sezione Teatro del Premio Penisola Sorrentina 2018. Accanto ai patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali arriva ora il

Cultura

Piacere, Ettore Scola: in Irpinia la prima mostra monografica dedicata al regista

Con la lettura affidata a Toni Servillo di alcuni brani della sceneggiatura del film “Trevico-Torino – Viaggio nel Fiat-Nam” si aprirà questo pomeriggio presso la suggestiva location dell’Abbazia del Goleto

Cultura

L’Italia del dopoguerra rivive in una mostra a New York

La storia che lega l’Italia agli Stati Uniti è cominciata più di un secolo fa, quando i nostri connazionali vi giunsero in maniera talmente massiccia da riservarsi dei quartieri tutti

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi