Kate Middleton: “giardiniera” per una giusta causa

Quando il piccolo Fraser Delf, 9 anni, ha perso la propria lotta contro la malattia, morendo in uno dei centri patrocinati dagli East Anglia’s Children’s Hospices, Kate Middleton ha promesso alla famiglia di tenere viva la sua memoria. E, all’indomani dell’emergenza sanitaria che ha costretto l’Inghilterra alla quarantena, ha tenuto fede a quanto detto.

La Duchessa di Cambridge, con un vestito a fiori e semplici espadrillas color écru, si è presentata all’Ospedale di Nook per piantare, insieme alle famiglie e ai volontari, un giardino sensoriale.

«Usando le piante comprate durante la sua visita al Fakenham Garden Centre la scorsa settimana, la Duchessa ha lavorato al fianco di un volontario dell’Each e di un’intera famiglia per creare un giardino che possa portare gioia ai bambini e ai loro genitori», si è letto sul profilo ufficiale dei Cambridge, dove è stato spiegato come Kate Middleton sia una sostenitrice dell’organizzazione dal 2012.

«La cura e il sostegno che assicurate ai bambini e alle loro famiglie nelle circostanze più difficili da immaginare è qualcosa di straordinario. Vorrei anche rendere omaggio a tutte quelle famiglie là fuori che si stanno occupando di un bambino affetto da una malattia invalidante. Fate un lavoro incredibile e so quanto possa essere difficile, soprattutto nella situazione presente. I miei pensieri sono con voi», ha detto la moglie del Principe William, piantando un girasole in memoria di Fraser Delf, uno dei tanti bambini accudita dall’Each, che, nella zona del Cambridgeshire, dell’Essex, del Norfolk e del Suffolk, presta le proprie cure a piccoli pazienti affetti da malattie potenzialmente terminali.

Previous Scuola, Speranza: "Apriremo le scuole, ma in piena sicurezza"
Next Odio contro gay e trans: è reato, possibile nuova legge in Parlamento

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

“Sei sempre responsabile dello stupro che subisci”. Violenza sessuale, perché si tende ad incolpare la vittima

Di fronte alle sentenze dei giudici che condannano il branco di aggressori, molte persone si domandano perché a volte si tende a incolpare la vittima e ad attribuirle parte della responsabilità. Ricapitoliamo:

Cultura

A New York la vita di Lady Diana diventa un musical

La vita di Lady Diana diventa un musical a Broadway.  A più di vent’anni dalla morte della “Principessa del popolo”, lo spettacolo sulla donna che “ha sconvolto i Reali” e

Cultura

IL GRANDE CARUSO, TRA STORIA, CURIOSITA’ E ANEDDOTI

Il suo primo canto, o il suo primo vagito, “Carusiello”, lo lanciò da un balconcino al primo piano del numero 7 di via San Giovannello agli Otto Colli (via Santi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi