“LA CAMORRA E LA SUA STORIA”, IL NUOVO LIBRO DI GIGI DI FIORE

Come è cambiata la camorra napoletana negli ultimi anni, quelli in cui è diventata protagonista di fiction di successo in un caotico scenario metropolitano di gruppi delinquenziali privi di strategia criminale? Dove è finita quell’ansia di riscatto, che solo pochi anni fa sembrava diffondersi nella società napoletana di fronte al crimine e all’illegalità? A queste domande cerca di rispondere la nuova edizione aggiornata de “La Camorra e le sue storie” di Gigi Di Fiore edito da Utet. Il libro uscì per la prima volta undici anni fa e fu presentato nella sede della commissione parlamentare antimafia a Roma, rompendo il silenzio che allora avvolgeva la criminalità organizzata campana non ancora diventata fenomeno mediatico.
Undici anni dopo, Utet ripropone il testo in una nuova edizione aggiornata di 576 pagine rispetto alle 487 del 2005. Allora il testo terminava con la descrizione dettagliata della prima guerra di Scampia. L’edizione oggi in libreria arriva a raccontare le “paranze dei bambini”, i confusi scenari criminali metropolitani, senza dimenticare le ultime vicende di Quarto e Giugliano.
Undici anni dopo, il racconto documentato, accompagnato da note, bibliografia, documenti e le immagini raccolte dalla New Foto sud, non perde la sua freschezza nel ricostruire l’origine storica e lo sviluppo della camorra napoletana seguendone tutta la sua evoluzione. Nomi, aneddoti, vicende sono qui raccontate e documentate con l’agilità di una narrazione giornalistica, che inserisce la storia della camorra napoletana nella storia delle terre che ha condizionato. Come undici anni fa, nel libro la dedica resta “In memoria di Giancarlo Siani, Marcello Torre e di tutte le vittime della follia dei camorristi”. Una continuità non casuale, nella terra che detiene il triste record delle vittime innocenti uccise dalla criminalità organizzata.
Martedi 17 maggio,alle 18,,presso la libreria Feltrinelli di piazza dei Martiri ne discuteranno con l’autore:Enzo D’Erricoi,Franco Roberti ed Isaia Sales.

Previous "LIBERO", I GIORNALISTI IN SOLIDARIETÀ CHIEDONO RISPOSTE ALL'AZIENDA SUL FUTURO
Next LA FONDAZIONE PRO E ARPAC INSIEME CONTRO IL TUMORE DELLA PROSTATA

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

M.SANTANGELO:”BASSOLINO INEGUAGLIABILE ESPERIENZA POLITICA, CORAGGIO ED ENTUSIASMO”

Il sei marzo si vota per le primarie. Non votare perché si è stanchi e distaccati (non oso dire nauseati) dall’attuale politica del PD rappresenta un legittimo sentimento ma una

Officina delle idee

Le donne hanno uno sguardo unico sul mondo, tale sguardo è raccontato nelle foto della mostra: “L’altro sguardo. Fotografie italiane 1965 ad oggi”

Esiste uno sguardo diverso sulle cose, più penetrante: è lo sguardo delle donne in mostra ne “L’altro sguardo. Fotografe italiane 1965-2018”, fino al  settembre al Palazzo delle Esposizioni, nella Capitale. Foto

Officina delle idee

TURISMO, D’AMELIO: “FIRMATO PROTOCOLLO D’INTESA SULLA RETE DEI TRATTURI”

E’ stato firmato durante l’ Assemblea plenaria della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province Autonome, il Protocollo d’intesa sulle vie della Transumanza e sulla rete

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi