LA CAMPANIA QUASI TUTTA BALNEABILE, LO DICE L’ARPAC

balneazione campania 2Secondo l’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, ARPAC, il litorale campano è quasi del tutto balneabile, fatta qualche piccola eccezione. Visionando la mappa interattiva sulla balneazione pubblicata sul sito http://balneazione.arpacampania.it/ è possibile osservare, non solo tutti i siti balneabili e non, ma anche il grado di classificazione degli stessi e  – lo ammetto –, con somma sorpresa, scoprire che la linea che definisce il nostro golfo è azzurra, il che, secondo legenda, vuol dire “eccellente”!

Ad annunciare la lieta novella per il turismo campano è stato il Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che sul suo profilo Facebook ha così commentato la notizia: “Il mare di Napoli, secondo i dati diffusi dall’ARPAC, Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, è tutto balneabile, con valori eccellenti, da Posillipo al lungomare di via Partenope e Santa Lucia con la sola eccezione del tratto di San Giovanni a Teduccio e Bagnoli. balneazione CampaniaIl mare è una risorsa straordinaria da tanti punti di vista per la nostra città ed è importante che ritorni ad essere vissuto in tutti i modi dai napoletani e dai tantissimi turisti che ormai in ogni periodo dell’anno affollano la nostra città. Noi abbiamo dotato le spiagge cittadine dei servizi igienici, delle docce e degli scivoli per disabili e continuando, come stiamo facendo, i controlli per evitare gli scarichi illegali, la situazione non potrà che migliorare ulteriormente in attesa che il Governo sblocchi la situazione anche per Bagnoli che dovrà tornare ad essere un luogo vissuto dai napoletani anche per la spiaggia pubblica. Cosi come la Regione deve fare la sua parte per San Giovanni accompagnando il nostro sforzo. Impegno nostro è mare balneabile e più spiaggia pubblica per tutti, da Bagnoli a San Giovanni”.

Insomma, una bella notizia per i bagnanti, per i partenopei che resteranno a Napoli e per la città stessa che ci auguriamo sempre si risollevi proprio grazie alle sue mille bellezze, al turismo.

Il tutto va inquadrato però in un clima di polemica verso il comune di Napoli e la giunta de Magistris instaurato dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Pozzuoli, Franco Cammino, che ha accusato Napoli d’inerzia nei confronti dello stato impietoso del mare puteolano causato, probabilmente, dallo scarico delle acque reflue dei comuni della Provincia. Insieme a Cuma, Pozzuoli ha diffidato Napoli e il suo Sindaco che, di tutta risposta, ha precisato quanto il problema riguardi la Regione e le sue inadempienze.

ELENCO SITI NON BALNEABILI:

Via squalo, Giugliano in Campania

Lido di Licola, Pozzuoli

Stabilimento Balneare, Pozzuoli

Stazione Marina di Licola

Effl. Nord Depuratore di Cuma

San Giovanni a Teduccio

Pietrarsa

Ex Bagno Risorgimento, Ercolano

La Favorita, Ercolano

Villa Tiberiade, Torre Annunziata

Spiaggia molo di ponente, Torre Annunziata

Nord Foce Sarno, Torre Annunziata

Ex Cartiera, Castellammare di Stabia

Villa Comunale, Castellammare di Stabia

Punta San Francesco, Sant’Agnello

Marina Grande, lato est, Sorrento

Previous TECHNOLOGYBIZ, A CITTA' DELLA SCIENZA TECNOLOGIE E SUD
Next Pressing di Obama su Putin, pronti armamenti pesanti nell'Europa dell'Est

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Google sfrutta l’intelligenza artificiale per andare a caccia dei nostri errori di grammatica.

Google sfrutta l’intelligenza artificiale per andare a caccia dei nostri errori di grammatica. La società ha infatti introdotto nell’applicazione Documenti i suggerimenti grammaticali. La novità, per ora riservata agli utenti

Approfondimenti

Caritas: la povertà aumenta col diminuire dell’età

Il vecchio modello italiano di povertà, che vedeva gli anziani più indigenti, non è più valido: oggi la povertà assoluta risulta inversamente proporzionale all’età, cioè diminuisce all’aumentare di quest’ultima. Lo

Approfondimenti

Storytelling e allestimenti multimediali di Mostre e Musei: la rivoluzione nella fruizione e nella narrazione dei beni culturali

“Lo sviluppo del settore turistico legato ai beni culturali passa necessariamente per un rinnovamento radicale dell’esperienza di fruizione da offrire ai visitatori, che ha bisogno della creazione di nuovi percorsi

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi