La Certosa di San Martino chiusa sine die

Da 6 mesi il museo di San Martino, una delle strutture più importanti d’Italia, offre uno squallido quanto vergognoso spettacolo ai visitatori, forestieri o indigeni che siano.

Oltre ai numerosi settori chiusi da tempo immemore, quali quelli dedicati al Seicento, all’Ottocento, alla collezione Alisio, da tempo ha chiuso i battenti, con la scusa di un inesistente dissesto nel pavimento, anche la Certosa con annessi sagrestia, tesoro, coro dei conversi etc. Il Quarto del Priore è visitabile per metà. L’unica cosa che resta è lo spettacolare panorama, che si può ancora godere dalle ampie terrazze. Il tutto dovuto, oltre che dalla inefficienza dell’amministrazione, alla cronica carenza di custodi, affetti da asseinteismo reiterato. Va chiesto con urgenza assoluta il commissariamento dei vertici e se necessario dello stesso ministro della cultura.

Previous L'ASSOCIAZIONE CULTURALE "OXEIA" PRESENTA "ANALFABETISMO EMOTIVO"
Next Titta, sorella di Genny Cesarano, diventa modella per un murale al Rione Sanità

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

NELLA CORNICE DI CASTELLAMMARE DI STABIA SI RINNOVA L’APPUNTAMENTO CON IL “MEETING DEL VINO CAMPANO”

Questo weekend, ovvero Sabato 25 e domenica 26 novembre 2017, a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli,  si rinnova l’appuntamento con il “Meeting del Vino Campano”, l’evento, giunto alla quarta edizione, nato

Approfondimenti

Disney, l’eroe dei fumetti Topolino compie 90 anni: Poste Italiane lo festeggia con otto francobolli

Uno dei personaggi simbolo della Walt Disney oggi è arrivato a spegnere 90 candeline (89 per l’esattezza). Stiamo parlando ovviamente del topo più famoso del Mondo e punto di riferimento

Approfondimenti

ACQUA PUBBLICA E ASTENSIONISMO

Il nuovo terreno di scontro (oltre al caso Verdini) tra la sinistra pd e la segreteria del partito, relativo al referendum del prossimo 17 aprile sulla cosiddétta proroga delle trivellazioni, ripropone

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi