LA CINA RISPONDE A TRUMP ALZANDO I DAZI SU 128 PRODOTTI USA

Dopo la fine della vicenda Corea del Nord che si è risolta, per modo di dire, con l’invito di Kim Jeong Un, presidente nordcoreano, a Trump con l’intenzione di denuclearizzare il paese asiatico, adesso il presidente americano pare aver messo nel mirino la Cina ed i suoi prodotti con l’annuncio sui nuovi dazi che colpiscono l’import dei beni cinesi. Le paure commerciali cominciano a sovvenire soprattutto dopo il tonfo della borsa newyorkese di Wall Street e i cali in quotazione di Tokyo e Shangai.

La Cina però manda un chiaro a segnale al Tycoon e agli Stati Uniti alzando barriere doganali su 128 prodotti americani per un totale netto di circa 3 miliardi di dollari, tutto questo si farebbe qualora non maturi l’accordo con Washington.

Il ministero del Commercio cinese, auspicando un passo indietro degli Usa per evitare di colpire “seriamente” i rapporti bilaterali e l’interscambio globale, ha spiegato in una nota che le misure all’import di prodotti Usa potrebbero essere adottate in due gruppi in mancanza di accordo, preannunciando l’ipotesi di ricorso ad azioni legali in linea con le norme del Wto, l’Organizzazione mondiale del commercio.Tra i prodotti Usa nel mirino, ad esempio, ci sono carne di maiale, frutta, tubi di acciaio, scarti in alluminio, vino ed etanolo, il cui valore è stimato in circa 3 miliardi di dollari complessivi nei valori del 2017. I beni sarebbero divisi in due gruppi di cui uno sottoposto a dazi del 15%, alla stessa percentuale fissata dagli Usa sull’import di alluminio, e un secondo destinatario invece di un’aliquota al 25%, come nel caso delle misure Usa per l’acciaio.

L’Unione europea attende ancora la conferma ufficiale delle decisioni prese dagli Stati Uniti sui dazi e per questo ha rimandato a domani la diffusione delle conclusioni sul tema del commercio. Lo si è appreso al termine della prima giornata dei lavori del Consiglio Europeo.

Enrico Esente

Previous F1: PROVE LIBERE E HAMILTON DAVANTI A TUTTI. FERRARI 4^ E 5^
Next San Giorgio a Cremano: ritorna l'incubo delle baby gang

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

PD, RENZI PUNTA SU MINNITI MA AREA ORFINI PROVA A SMARCARSI

L’ultimo pressing nei confronti di Graziano Delrio affinche’ scenda in campo, magari per una candidatura unitaria, si e’ concluso ieri. Nel Pd riferiscono che ad incontrare il capogruppo dem alla

Qui ed ora

De Luca contro il Ministero dell’Interno: “Ribadisco che in Campania è vietato fare jogging o andare a passeggio”

“Considero gravissimo il messaggio proveniente dal Ministero dell’Interno, relativo alla possibilità di fare jogging e di passeggiare sotto casa. Si trasmette irresponsabilmente l’idea che l’epidemia è ormai alle nostre spalle.

Qui ed ora

VINCENZO DE LUCA NEL RICORDO DI CIRO ESPOSITO

Giornata frenetica quella di ieri per Vincenzo De Luca. Il neo governatore della Campania, ha dapprima incontrato a Roma il premier Matteo Renzi, ha poi benedetto in una riunione di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi