La cucina napoletana, tentazione anche per gli atleti Universiadi

Da sempre Napoli è riconosciuta per il sue specialità culinarie. Resistere alla pizza o alla mozzarella non è facile, soprattutto per un atleta a ridosso delle gare. La tradizione enogastronomica napoletana è famosa nel mondo e per gli atleti delle Universiadi alloggiati nell’originale villaggio allestito su due navi da crociera nel porto di Napoli. Il vero problema è proprio quello di non lasciarsi andare a scorpacciate soprattutto prima di gareggiare. “Stamattina non sono riuscito a resistere a cornetto e cappuccino – ha ammesso il britannico Mark Pearce, oggi impegnato nelle qualificazioni del 3000 siepi che ha abbandonato il salutare muesli – prima della gara in effetti ero un po’ preoccupato perché a colazione mi sono lasciato andare. La qualifica fortunatamente è andata bene, nonostante la mia colazione non proprio dietetica”. “Non so quanto peso ho preso – esclama sorridendo il lanciatore tedesco Christian Zimmermann – prima di venire a Napoli per le Universiadi pesavo 135 chili, ma ora credo che questo peso sia cambiato vista anche la quantità e la qualità del cibo che abbiamo a disposizione sulla nave e al quale non riesco a rinunciare”. “I dolci sono buonissimi – dice il decatleta australiano Alexander Diamond – confesso di avere assaggiati tutti quelli della tradizione napoletana. E fino ad ora in gara è andata bene”.

Previous Napoli, parco Mascagna: chiuso per allerta meteo
Next STATI GENERALI DELLA PROFESSIONE A ROMA DIALOGO E LINGUAGGIO BOTTIGLIERI: I PAZIENTI VANNO COINVOLTI

L'autore

Può piacerti anche

Curiosità

ARMANI, L’UOMO BRILLA ANCHE IN CITTÀ

  Continua la settimana più amata e ambita dagli amanti della moda, dopo il Pitti,  a Firenze, non poteva mancare la Milano Moda Uomo 2019, la settimana moda uomo Milano che dal

Curiosità

Cappelli di paglia, fiori tra i capelli, foulard: i trend d’estate

La regina Elisabetta pare ne abbia cinquemila. Coco Chanel sosteneva che non bisognava mai uscire di casa senza indossarne uno. Parliamo dei cappelli, accessori irrinunciabili: rifiniscono il look, conferiscono quel tocco in

Curiosità

Kate e Meghan, altro che nemiche. Sempre più complici

Secondo i tabloid, la duchesse – insieme a Wimbledon – avrebbero trovato un buon feeling dopo la nascita del piccolo Archie. E grazie alla «giusta distanza» che Cambridge e Sussex

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi