LA DISCRIMINAZIONE TERRITORIALE È DI MODA ANCHE NEL 2020: BORRELLI CONTRO L’AZIENDA SANITARIA DI VERONA:”SONO STATI POCO INTELLIGENTI”

Francesco Borrelli, consigliere dei Verdi, si schiera contro l’azienda sanitaria di Verona ULSS9 che utilizza Napoli come metro di paragone per la valutazione degli effetti delle radiazioni: ‘E come vivere un mese a Napoli’ si legge sulla modulistica dell’ospedale.

Basta andare sul sito dell’azienda sanitaria di Verona ULSS9 scaligera e cercare il modello per il consenso all’esecuzione di un esame radiologico “TC Cone Beam”. Nella parte dedicata alle controindicazioni dell’esposizione radioattiva troviamo scritto “equivale a vivere un mese a Napoli”.

Sembra uno scherzo e invece è drammaticamente vero. La nostra città viene utilizzata da un ente pubblico come metro di paragone per valutare gli effetti negativi dell’esposizione alle radiazioni. Una discriminazione bella e buona che non trova alcuna ratio se non quella della scarsa sensibilità e intelligenza di chi ha elaborato il testo.

Ci auguriamo che la modulistica in questione venga immediatamente modificata”. 

Poi continua:“Si potrebbe fare ironia ricorrendo alla citazione “vedi Napoli e poi muori”  se non fosse che questo testo getta discredito sull’immagine di una città come la nostra che, al di là di quanto si pensi nell’Asl veronese, anche quest’anno ha riconfermato il record di presenze turistiche con o senza radiazioni”.

verona

Previous Carnevale 2020 a Napoli: gran ballo del '700
Next La dieta mediterranea è la migliore al mondo, ha sbaragliato 35 alternative

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

VATICANO , UDIENZA DI PAPA FRANCESCO:”IL SIGNORE AIUTA A RIPRENDERCI “

Ennesimo gesto d’amore da parte di Papa Francesco . Infatti , il Pontefice ,ha voluto che quei bimbi colpiti dai terremoti dello scorso anno in Centro Italia gli raccontassero quanto

Qui ed ora

Emergenza coronavirus, per la prima volta all’ospedale di Bergamo più dimessi che ricoverati

Per la prima volta dall’inizio dell’emergenza coronavirus all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono state più le persone dimesse di quelle ricoverate: 26 contro 20. A riportare il dato è L’Eco di Bergamo, che registra anche

Qui ed ora

MIGRANTI , LE DICHIARAZIONI DI GENTILONI:” SONO SODDISFATTO! L’ITALIA E’ ESEMPLARE”

“Sono abbastanza colpito e soddisfatto e orgoglioso del fatto che il nostro Paese che era per un certo periodo al centro di diverse contestazioni, polemiche e accuse, in modo sempre

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi