LA MIGLIORE PIZZA DEL MONDO ANCORA A CASERTA

Per il terzo anno consecutivo Pepe in Grani di Franco Pepe a Caiazzo in provincia di Caserta si conferma la miglior pizzeria d’Italia e del mondo. Tuttavia quest’anno si è diviso il podio con I Masanielli di Francesco Martucci a Caserta. Il casertano ruba quindi ancora una volta il primato di miglior pizza a Napoli secondo la Top Pizza 50, la prima e più importante guida on-line di settore che lo scorso luglio, nel corso della sua terza edizione, ha premiato a Napoli, in una serata al teatro Mercadante, le migliori 50 pizzerie d’Italia e del mondo. Il terzo posto è andato invece a 50 Kalò di Ciro Salvo a Napoli. “Porsi sempre dei nuovi obiettivi e soprattutto cercare di raggiungerli per dare sempre di più al cliente – ha detto all’ANSA Franco Pepe a proposito della sua pizzeria – sotto forma dell’offerta della location, ricerca della materia prima e quindi sul prodotto. Lavoriamo anche sull’evoluzione del menu, quest’anno abbiamo puntato sul menu funzionale ad esempio, creando con una nutrizionista un menu dove siamo andati ad equilibrare bene proteine, carboidrati e lipidi con l’acquisizione anche delle fibre, abbiamo inoltre creato un dressing per consumare il cornicione. Spostiamo quindi l’asticella dal buono al sano”. Durante la cerimonia, presentata dal giornalista Paolo Notari e da Fatima Trotta, conduttrice della trasmissione Made in Sud, sono stati assegnai anche premi speciali come, miglior pizza Vegana andato a Seu Pizza Illuminati di Pier Daniele Seu a Roma per la sua crucifere, crema di senape e nocciole, a Sara Palmieri di 10 Diego a Vitagliano (Napoli) è andato il Premio D’Amico per la Migliore Proposta Gluten Free, mentre il premio S. Pellegrino Innovazione e Sostenibilità è stato assegnato a Denis Lovatel proprietario di Ezio a Alano di Piave, (Belluno). Un riconoscimento anche anche il patron di Eataly Oscar Farinetti al quale è andato il premio pastificio Di Martino per la valorizzazione del Made in Italy 2019 mentre come miglior pizzaiolo dell’anno è stato premiato Pier Daniele Seu di Seu Pizza Illuminati (Roma). “Abbiamo fatto guida per due motivi – ha spiegato all’ANSA Albert Sapere, curatore con Luciano Pignataro e Barbara Guerra di 50 Top Pizza – sia per fornire uno strumento ai consumatori dove mangiare una buona pizza ovunque si trovino sia per creare una rete tra la comunità dei pizzaioli italiani e la comunità dei pizzaioli internazionali. Ragioniamo sia sui pizzaioli che sulla qualità, la materia prima in quello che è il paese della pizza perche’ non dimentichiamoci che l’Italia è il paese della pizza” Attenzione anche a ciò che accade al di là dei confini italiani con due spin off, Europa e Nord America, sul podio più alto per l’Europa 50 Kalò di Ciro Salvo Pizzeria London mentre per 50 Top North America, Razza Pizza Artigianale di Dan Richer a Jersey City in New Jersey.

Previous Morta ex direttrice del Tg2 Ida Colucci
Next Quelle leggende che non passeranno mai: imparare tutto sulla moda grazie al vocabolario couture di Coco Chanel

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Sviluppo urbano sostenibile, il Rapporto italiano per la Conferenza internazionale Habitat III

La Conferenza internazionale Habitat III, organizzata da Un-Habitat, l’Agenzia delle Nazioni Unite sugli Insediamenti Umani, si svolgerà a Quito (Ecuador) dal 17 al 20 ottobre 2016 ed è dedicata al

Approfondimenti

Fao e Governo insieme per la Dieta Mediterranea, verso il decennale Unesco

Un insieme di pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola, passando per le coltivazioni, i raccolti, la pesca, la conservazione, la lavorazione, la preparazione e il consumo dei

Approfondimenti

DIEGO ARMANDO MARADONA COMPIE 56 ANNI : EL PIBE DE ORO , UNICA LEGGENDA DI NAPOLI .

Diego Armando Maradona non ha certo bisogno di presentazioni. Il giocatore più forte di tutti i tempi, nell’infinita lotta con Pelè, che ha regalato due Scudetti al Napoli e che

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi