NELLA NAPOLI DEL XIX, LE SIGNORE INDOSSAVANO LUNGHE COLLANE IN ORO GIALLO, INTRECCIATE AL COLLO DETTE “CHIACCHIERE”

Nella Napoli del XIX secolo era facile incontrare signore che, indossavano lunghe collane, leggere,  intrecciate intorno al collo, costituite da piastre a lamina d’oro giallo, stampate e saldate, spesso lavorate e vuote all’interno. Secondo la tradizione popolare, questo “laccio” aveva dei poteri legati soprattutto al dono di mandare via le negatività.In realtà questo gioiello altro non era che la reinterpretazione della calabrese “jennacca”, una collana formata da grani d’oro sferici vuoti o traforati, con decorazioni in filigrana e perline scaramazze, che la suocera regalava alla nuora quando il figlio, generalmente il primogenito, si fidanzava.Poiché queste collane, proprio per la loro leggerezza, emettevano un tintinnio, a Napoli cambiarono il nome in “chiacchiere” e si attribuì loro il potere di esorcizzare le cattive lingue.Ancora oggi, passeggiando nel Borgo Orefici, nel quartiere Pendino, sarà possibile trovare, nelle vetrine di alcune botteghe, le “chiacchiere” originali del XIX.In entrambi i casi è importante sapere che, pur non trattandosi di un acquisto economico, si potrà godere della protezione a vita da ogni genere di influsso negativo.

Previous Rivista letteraria Mosse di Seppia, "C’è qualcosa che non ama i muri": Una serata di musica jazz e poesia
Next CAMPANIA: ELETTI IN CONSIGLIO REGIONALE IL GARANTE DEI DETENUTI, IL PRESIDENTE DEL CORECOM, ED IL GARANTE DELL'INFANZIA

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

I MITI DI NAPOLI : LA LEGGENDA DEL FANTASMA CHE PIANGE NELLA BASILICA DI SANTA CHIARA

La gotica Basilica di Santa Chiara rappresenta uno dei più importanti complessi monastici di Napoli realizzata dall’architetto Gagliardo Primario tra il 1310 e il 1328 per volere di Roberto D’Angiò

Approfondimenti

Città della Scienza :Sabato 21 e domenica 22 aprile Giornata Mondiale della Terra

La Giornata Mondiale della Terra, nata il 22 aprile del 1970, è la più grande manifestazione ambientale del pianeta e coinvolge oltre un miliardo di persone in tutto il mondo.

Approfondimenti

JACQUES GAILLOT: “IL FUTURO È APERTO!”

Quando, nel 1995, gli strali del Vaticano caddero su Jacques Gaillot, Témoignage chrétien, su iniziativa del suo direttore Georges Montaron, fu in prima linea per sostenere il vescovo di Évreux.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi