NELLA NAPOLI DEL XIX, LE SIGNORE INDOSSAVANO LUNGHE COLLANE IN ORO GIALLO, INTRECCIATE AL COLLO DETTE “CHIACCHIERE”

Nella Napoli del XIX secolo era facile incontrare signore che, indossavano lunghe collane, leggere,  intrecciate intorno al collo, costituite da piastre a lamina d’oro giallo, stampate e saldate, spesso lavorate e vuote all’interno. Secondo la tradizione popolare, questo “laccio” aveva dei poteri legati soprattutto al dono di mandare via le negatività.In realtà questo gioiello altro non era che la reinterpretazione della calabrese “jennacca”, una collana formata da grani d’oro sferici vuoti o traforati, con decorazioni in filigrana e perline scaramazze, che la suocera regalava alla nuora quando il figlio, generalmente il primogenito, si fidanzava.Poiché queste collane, proprio per la loro leggerezza, emettevano un tintinnio, a Napoli cambiarono il nome in “chiacchiere” e si attribuì loro il potere di esorcizzare le cattive lingue.Ancora oggi, passeggiando nel Borgo Orefici, nel quartiere Pendino, sarà possibile trovare, nelle vetrine di alcune botteghe, le “chiacchiere” originali del XIX.In entrambi i casi è importante sapere che, pur non trattandosi di un acquisto economico, si potrà godere della protezione a vita da ogni genere di influsso negativo.

Previous Rivista letteraria Mosse di Seppia, "C’è qualcosa che non ama i muri": Una serata di musica jazz e poesia
Next CAMPANIA: ELETTI IN CONSIGLIO REGIONALE IL GARANTE DEI DETENUTI, IL PRESIDENTE DEL CORECOM, ED IL GARANTE DELL'INFANZIA

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

PENSIONI, IL SOTTOSEGRETARIO NANNICINI: LE RISORSE CI SARANNO.

“Le risorse per le pensioni ci saranno”, e “non ci sarà nessun contributo di solidarietà”. Lo afferma, il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini che aggiunge: “la quattordicesima potrebbe

Approfondimenti

“IL RACCONTO DELLA FELICITÀ”, PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI MARGHERITA VINCI IN CONSIGLIO REGIONALE, PER CERCARE DI INTEGRARE LE ISTITUZIONI CON L’ESCLUSIONE

Le parole del titolo riprendono il senso di quanto ha detto Antonio Acerra, Direttore del Dipartimento Salute Mentale dell’Asl di Avelllino, nell’incontro che si è tenuto oggi nella sede del

Approfondimenti

UDIENZA DEL PAPA SUI MIGRANTI :” E’ LA TRAGEDIA PIU’ GRANDE DOPO LA GUERRA MONDIALE

“Non dimentichiamo che la tragedia che stanno vivendo i migranti oggi è la più grande dalla fine della Seconda Guerra Mondiale!”. Così si è espresso papa Francesco, al termine dell’udienza

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi