LA NUOVA APP DI VERO BATTE FACEBOOK

E’ una piattaforma per iOS e Android  quella di Vero lanciata nel 2015 ma che solo oggi  è diventata popolare (600mila download solo negli Usa). Il primo milione di persone ha potuto accedere gratuitamente, invece d’ora in poi si pagherà una piccolo abbonamento annuale perché il principio su cui ruota la piattaforma è questo: gli utenti non sono prodotti da dare in pasto alla pubblicità e agli inserzionisti. Infatti sul social non ci sono gli annunci, lo slogan è “meno social media, più vita sociale. I nostri abbonamenti ci consentono di lasciare la pubblicità fuori e di focalizzarci solo su una migliore esperienza social  non cerchiamo nuovi modi di monetizzare gli utenti o di tenerli sull’app con notifiche continue“. La piattaforma è stata lanciata dal milionario libanese Ayman Hariri (figlio dell’ex primo ministro), dall’impresario cinematografico Motaz Nabulsi e dal venture capitalist Scott Birnbaum. Assomiglia ad Instagram ma i post appaiono in ordine cronologico, come non accade più da tempo su Facebook, Instagram e anche Twitter governati oramai dagli algoritmi.

Previous  Il Meccanismo di protezione civile attivato dall’Unione europea in questi anni finisce in una campagna #EUSavesLives per sensibilizzare l'opinione pubblica sul principio di solidarietà
Next Lo Spettacolo di Mario Conte "Concerto Per l'acqua" al Cinema Teatro Flaminio di San Giorgio a Cremano

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

OCCORRE UN SERIO ESAME DI COSCIENZA NEL PD NAPOLETANO

Il Pd e la Valente hanno subito una indiscutibile mazzata elettorale. Punto e basta. Non cerchiamo alibi o analisi sociologiche. Lo dico a noi del Pd. E’ vero che va dato

Approfondimenti

STORIA DI ROSCIGNO, IL PAESE CHE CAMMINA

Roscigno, in provincia di Salerno, ai piedi degli Alburni è rimasta intatta, sospesa tra vita e morte come in foto in bianco e nero. Cosi è divenuto quello che era anche “il  paese che

Approfondimenti

NAPOLI: NEL CUORE DEL GOLFO SI TROVA LA TRADIZIONE DEGLI ANTICHI PASTAI

A Torre Annunziata, nel cuore del golfo di Napoli, l’arte pastai ha tradizioni secolari. Ancor prima della vicina Gragnano, qui l’arte della pasta ha salde radici, date dal porto, dall’aria e dal

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi