LA PAROLA INGLESE PIÙ SBAGLIATA DAGLI STUDENTI E’ BECAUSE

Le fonti sono le più svariate, i ricercatori del Corpus raccolgono quotidianamente parole ed espressioni utilizzate in libri, canzoni, social network, programmi televisivi, giornali, radio o semplicemente intervistando persone per le strade delle metropoli anglosassoni.

 Questa varietà di fonti consente al Corpus di essere sempre aggiornato sulle evoluzioni della lingua inglese, sia parlata sia scritta.La Cambridge University Press è l’unica casa editrice che ha accesso al Corpus per la creazione dei suoi corsi di lingua, in questo modo questo patrimonio sterminato non è solo utile a ricercatori e linguisti di tutto il mondo ma diventa una risorsa con ricadute concrete per chiunque studi l’inglese utilizzando un libro Cambridge. Secondo la ricerca la parola più sbagliata nel mondo è  “Because”, infatti analizzando il Corpus i ricercatori hanno trovato ben 237 modi diversi in cui è stata scritta.

Previous DALL'OLANDA ALLA SARDEGNA PER RICOMINCIARE A VIVERE : CASE AD 1 EURO
Next Dalla lettura di un libro all’analisi dei sentimenti, oggi nel carcere di Poggioreale.“Caro prof ti scrivo…” alcuni detenuti di Poggioreale analizzano se stessi con un occhio critico.

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Accademia: il futuro nell’Alta Formazione

L’Accademia di Belle Arti di Napoli, fondata da Carlo di Borbone nel 1752, è una fra le più antiche e rappresentative d’Italia è riferimento per la formazione di giovani artisti, luogo

Approfondimenti

TWITTER ESTENDE A 280 I CARATTERI DEI MESSAGGI SCAMBIATI

Dopo i primi test nei mesi scorsi, Twitter annuncia infatti la svolta, estendendo a 280 caratteri la capacita’ dei messaggi scambiati sulla sua piattaforma. L’obiettivo e’ ridurre la “calca” e

Approfondimenti

ENTRO IL 2020, GLI SMARTPHONE SARANNO I DISPOSITIVI PIU’ DANNOSI PER L’AMBIENTE

Gli smartphone saranno i dispositivi più dannosi per l’ambiente entro il 2020. Lo sostiene uno studio di due professori dell’Università canadese McMaster, che ha acceso un faro sulla filiera produttiva

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi