LA PAROLA INGLESE PIÙ SBAGLIATA DAGLI STUDENTI E’ BECAUSE

Le fonti sono le più svariate, i ricercatori del Corpus raccolgono quotidianamente parole ed espressioni utilizzate in libri, canzoni, social network, programmi televisivi, giornali, radio o semplicemente intervistando persone per le strade delle metropoli anglosassoni.

 Questa varietà di fonti consente al Corpus di essere sempre aggiornato sulle evoluzioni della lingua inglese, sia parlata sia scritta.La Cambridge University Press è l’unica casa editrice che ha accesso al Corpus per la creazione dei suoi corsi di lingua, in questo modo questo patrimonio sterminato non è solo utile a ricercatori e linguisti di tutto il mondo ma diventa una risorsa con ricadute concrete per chiunque studi l’inglese utilizzando un libro Cambridge. Secondo la ricerca la parola più sbagliata nel mondo è  “Because”, infatti analizzando il Corpus i ricercatori hanno trovato ben 237 modi diversi in cui è stata scritta.

Previous DALL'OLANDA ALLA SARDEGNA PER RICOMINCIARE A VIVERE : CASE AD 1 EURO
Next Dalla lettura di un libro all’analisi dei sentimenti, oggi nel carcere di Poggioreale.“Caro prof ti scrivo…” alcuni detenuti di Poggioreale analizzano se stessi con un occhio critico.

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

LA CHIESA DI SANTA MARIA DEL FARO : TRA STORIA E TRADIZIONE

In una delle zone più suggestive di Napoli, ed esattamente sul porticciolo di Marechiaro, situato nel quartiere di Posillipo, sorge la Chiesa  di Santa Maria del Faro, antico gioiello che contiene

Approfondimenti

IL SILENZIO VIENE ABOLITO DAL RUMORE, IN QUESTO CASO DALLA MUSICA CHE STANDO ALLE ULTIME INDAGINI AIUTA NELLO STUDIO AD OTTENERE RISULTATI MIGLIORI

La musica aiuterebbe meglio a studiare e a concentrarsi, infatti, pare che siano i ritmi cadenzati il segreto per una migliore concentrazione, mentre il silenzio fa scendere  l’attenzione.   Tutto ciò

Approfondimenti

ISCHIA: STORIA DELL’ISOLA SOMMERSA, L’ISOLA DI AENARIA

Nelle acque di Ischia, nella baia del castello Aragonese e dagli scogli di sant’Anna, sorgeva un’antica città romana, detta Aenaria, oggi sommersa sotto nove metri di mare. Il nome nasce dal latino “aenum“, che vuol

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi