LA PASSWORD PER COMPUTER, SMARTPHONE E DISPOSITIVI ELETTRONICI POTREBBE, NEL FUTURO, ESSERE IL BATTITO CARDIACO

Nel fututo, la  password per computer, smartphone e altri dispositivi elettronici potrebbe essere il proprio cuore:  sistema sviluppato da ricercatori americani dell’Università di Buffalo che si basa sulla geometria, unica, del muscolo cardiaco.

Il sistema sfrutta una scansione radar particolare che identificare un individuo dalle dimensioni e dalla forma del cuore . Secondo gli sviluppatori il sistema è sicuro e potenzialmente anche un’alternativa più efficace non solo delle password tradizionali ma anche degli altri sistemi biometrici di riconoscimento, sottolineando che “Non sono mai state trovate due persone con un cuore identico”.

Il segnale di questo radar è minore di quello di una rete WiFi, assicurano i ricercatori. La tecnologia sarà presentata il mese prossimo alla conferenza MobiCom nello Utah.Gli usi potrebbero essere diversi, suggeriscono, dagli smartphone ai varchi aeroportuali. © ANSA

Previous Meeting degli Indipendenti di Faenza:Monica Matticoli e il ritorno di Miro Sassolini
Next TUMORE AL SENO , UNA MARATONA PER LA RICERCA E LA PREVENZIONE . MARTEDì 3 OTTOBRE CONFERENZA STAMPA CON D'AMELIO , MORTARUOLO E L'ASSESSORE MARCIANI

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

GLI HOLOLENS LANCIATI DA MICROSOFT ARRIVANO ANCHE IN ITALIA

Gli HoloLens, i visori di Microsoft per la realtà mista, sbarcano anche in Italia. Infatti  ha annunciato che a partire da dicembre il dispositivo, con cui accedere alla realtà aumentata

Approfondimenti

«Noi, malati di Sla, come corpi senz’anima»

«La Sla non è una malattia come le altre. Da alcune si può guarire, con altre devi imparare a convivere, altre ancora ti portano alla morte, magari lenta e dolorosa,

Approfondimenti

Bambini su Luna e Marte grazie al coding

Esplorare la Luna con un visore per la realtà virtuale e programmare un rover per farlo muovere su Marte: sono alcune delle attività con cui i bambini si cimentano alla

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi