La piccola NOEMI torna a casa. Le piacerebbe cantare “Soldi” con Mahmood.

Noemi, la bambina di quattro anni ferita nel corso di una sparatoria a Napoli lo scorso 3 maggio, ha lasciato l’ospedale Santobono ed è tornata a casa. Lo apprende l’ANSA da fonti qualificate. La piccola è stata sottoposta agli ultimi esami che hanno dato il via libera alle dimissioni.

«LE PIACEREBBE CANTARE SOLDI CON MAHMOOD»
Angelo Pisani, avvocato dei genitori della bambina, ha dichiarato che «ora la bimba sta molto meglio. Porta il busto, ma cammina». In un’occasione l’ha trovata canticchiare Soldi di Mahmood. «Mi ha detto – continua l’avvocato – che le piacerebbe molto cantarla con Mahmood e sarebbe molto felice se lui l’andasse a trovare».

ASL: LE CURE CONTINUERANNO A DOMICILIO
La bambina verrà seguita a domicilio dagli specialisti messi a disposizione dall’Asl di Napoli. «Prenderemo in carico Noemi in continuità assistenziale a domicilio», spiega il commissario straordinario dell’azienda sanitaria napoletana Ciro Verdoliva.

Previous Carcere e affettività:parole inconciliabili? Nel carcere,luogo senza tempo,carenza di spazi vitali,mancanza di igiene,vuoti comunicativi e relazionali. Il garante dei detenuti Ciambriello ha promosso un convegno nazionale.
Next In calo il mercato degli smartphone in Nord America, -18%

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

INDIA: SI RENDE INCOSTITUZIONALE L’ADULTERIO

La Corte Suprema ha depenalizzato l’adulterio,e ha definito incostituzionale l’articolo 497 Codice penale. Il comma abolito,  concedeva solo al marito il diritto di citare in giudizio l’amante della moglie e

Qui ed ora

AUSTRIA INVIA I MILITARI AL BRENNERO, ED E’ SUBITO L’IRA DELL’ITALIA

Abbandonati i toni marziali delle ultime settimane, quando era stato  ipotizzato l’uso di panzer lungo il confine del Brennero per limitare l’afflusso di migranti, l’Austria ha deciso di agire in

Qui ed ora

VENENZUELA: REPRESSA LA RIVOLTA CONTRO MANDURO, NUMEROSI ARRESTI DA PARTE DEL GOVERNO

Un funzionario del governo venezuelano ha reso noto che è accaduto  un “attacco terroristico” ad una base militare nella città di Valencia in Venezuela.  Tanti gli arresti emessi durante l’accaduto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi