LA POLAROID DEL 1977 RINASCE ATTRAVERSO L’ERA DIGITALE

A dieci anni di distanza dall’ultima macchina Polaroid , che arrivo nel 1977, si avvia una nuova  operazione commerciale in fatto di foto, che ruota intorno alla OneStep 2. Il dispositivo torna a proporre un tipo di fotografia che è stato spazzato via dall’avvento delle macchine digitali e degli smartphone. Polaroid aveva cercato di adeguarsi sfornando la fotocamera Snap, una digitale compatta in grado di stampare gli scatti sul momento.

La OneStep 2 ha lo stesso identico funzionamento “punta-e-scatta”  con le foto che prendono vita sulle pellicole in bianco e nero o a colori, e nasce per l’appunto con l’intento di scattare foto istantanee. Anche le pellicole sono fedeli alla tradizione e compatibili con li vecchi apparecchi Polaroid. L’azienda ha deciso poi di mettere sul commercio anche i vecchi modelli rigenerati.

Previous LA COREA DEL NORD MINACCIA IL GIAPPONE E GLI USA CON UN ATTO NUCLEARE
Next PADOAN:" IL RISCHIO PIU' SERIO IN QUESTA FASE DI ECONOMIA CHE SEMBRA TORNARE ALLA NORMALITA' E' PENSARE CHE IL PEGGIO SIA PASSATO E QUINDI MENO O POCO RESTI DA FARE"

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

I MILLENIALS VIVONO LA CASA COME SE FOSSE UN LABORATORIO

I millenials, così vengono definiti i giovani di questa epoca fatta di modernità, di molta più comunicazione rispetto al passato, ma molto più sintetica, superficiale, che si riassume in un

Approfondimenti

LE DIETE POSSONO CAUSARE DEPRESSIONE

  Alcuni ricercatori dell’Università di Montreal, a seguito di un recente studio, sono arrivati a sostenere che seguire determinate diete potrebbe privare l’organismo di alcune sostanze nutritive innescare fenomeni depressivi.

Approfondimenti

Giocattolo ritirato dal mercato. Rischio soffocamento.

Rapex, Rapid Alert System for non-food dangerous products, lo scorso 4 dicembre, ha pubblicato il divieto di commercializzazione, il ritiro e il richiamo dal mercato di una bambola della ditta

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi