LA REGIONE CAMPANIA SPERIMENTA IL “FUOCO PRESCRITTO” PER CONTRASTARE GLI INCENDI BOSCHIVI

In Regione Campania, la sperimentazione dell’uso del fuoco prescritto, è stata inserita tra le azioni proposte nell’ambito del Piano di previsione e lotta agli incendi boschivi; l’utilizzo delle squadre antincendio boschivo della Sma Campania (Aib) ha dato la possibilità di avvio a questo progetto, in questo periodo prima della Campagna 2016. In Europa solo in Portogallo ed in Francia, queste tecniche, sono utilizzate dagli operatori antincendio.

image

La tecnica consiste nel ridurre la biomassa bruciabile facendo avanzare un fronte di fiamma in condizioni di sicurezza allo scopo di prevenire gli eventuali incendi, riducendone l’intensità e, permettendone una minore propagazione con più facile estinzione.
La Regione, attraverso Sma Campania, ha stipulato una convenzione con l’Università Federico II e la Seconda Università di Napoli, incentrata sulla formazione teorico e pratica del proprio personale (tecnici ed operai) e, dei funzionari ed istruttori di vigilanza della Regione Campania. Il gruppo di lavoro è così composto: Saverio Basile di Sma Campania e dai professori Stefano Mazzoleni (UniNa) e Assunta Esposito (Sun); tra l’altro vi è anche la collaborazione della Università di Torino e di esperti portoghesi della società GIFF (Gestao Integrada de Fogo Florestal http://www.isa.utl.pt/ceabn/projecto/1/29/fire-paradox-uma-abordagem-inovadora-de-gest-atilde-o-integrada-do-fogo-em-aacute-reas-naturais-combatendo-o-problema-dos-inc-ecirc-ndios-pelo-uso-sensato-do-fogo-solucionando-o-paradoxo-do-fogo).
Questa tecnica può anche rappresentare una valida soluzione di gestione per la conservazione dell’ecosistema di interesse comunitario che attualmente risulta seriamente minacciato dall’abbandono delle tradizionali attività colturali. Per una migliore tutela del suolo e della vegetazione; inoltre è un valido esempio di applicazione ecologica del fuoco. Le attività pratiche hanno previsto i primi esperimenti in quattro località della Regione Campania: la pineta delle Casermette sul Monte Vesuvio in provincia di Napoli; località Vallicelle a Mugnano del Cardinale, in provincia di Avellino; Monte Acero, S. Salvatore Telesino, in provincia di Benevento; ed infine, la località Casino Leonetti in San Leucio di Caserta. Già a partire dalla prossima campagna Aib (giugno – settembre 2016) gli operai della Sma Campania, insieme alle altre forze in campo, useranno queste tecniche.

 

image

Previous GIOCO ALL'ITALIANA
Next "IMMAGINARE FUTURO" PRESENTA IL SUO PROGRAMMA. LOCATION DELL'EVENTO, L'HOTEL FERDINANDO II A NAPOLI

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

Coronavirus, tutti i lati (ancora) oscuri: dalle origini ai sintomi fino agli anticorpi

Dalle origini nei pipistrelli al mistero dell’animale in cui si ì modificato; dalla capacità di diffondersi rapidamente e silenziosamente, al perché in alcuni casi non dà nemmeno sintomi e in altri uccide: il virus SarsCoV2, responsabile della pandemia

Approfondimenti

NAPOLI , IL CENTRO STORICO : STORIA E TRADIZIONE .

Il centro storico di Napoli rappresenta il primo nucleo storico della città di Napoli .Esso racchiude 27 secoli di storia e risulta essere il più vasto d’Europa estendendosi su una

Approfondimenti

MENTRE IL MERCATO DIVULGA DISPOSITIVI SEMPRE PIU’ GRANDI UN’AZIENDA INVENTA TINY T1

Il mercato degli smartphone divulga dei  dispositivi sempre più grandi. In contrasto  un’azienda ha deciso di andare in controtendenza: si chiama Zanco, ed è punta a potare sugli scaffali quello

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi