La scortesia via mail, è più stressante

Ricevere una mail un po’ più maleducata porta a essere più stressati e più maleducati, anche a casa o tra i colleghi. La scortesia digitale, dunque, ha un effetto concreto nella vita reale.E, una volta a casa, tendono a essere più scortesi con il proprio partner. “E’ una reazione tipica: quando sei sotto stress tendi ad evitare il tuo lavoro per conservare la tua energia e le tue risorse. E’ l’autoconservazione”, ha detto YoungAh Park, docente di relazioni professionali all’Università dell’Illinois.

Quando i lavoratori rimuginano su incidenti di lavoro negativi durante il fine settimana, “sono più propensi a mettere a dura prova i membri della famiglia, compresa la loro consorte, perché la ruminazione ripete i fattori di stress e ne rinnova gli effetti”, ha proseguito Park. Per i dipendenti, spiegano i ricercatori, aiuta quella capacità di essere completamente in grado di disconnettersi dal lavoro quando non si è in ufficio.

Previous Free Wall Needed, Naples 2018
Next CALCIO INTERNAZIONALE , LA STORIA DI MBAPPE' : TRA AMORE E SOLIDARIETA'

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

POZZUOLI , IL TEMPIO DI SERAPIDE : STORIA E TRADIZIONE

Nel corso dei secoli il tempio di Serapide  ha rappresentato la memoria storica dei fenomeni bradisismici che da sempre interessano l’area flegrea. Ancora oggi sono visibile le erosioni dovute agli

ultimissime

IL TEOLOGO CASTILLO.”L’UMANO SENZA LA FEMMINILITA’ NON E’ UMANO.”

A)La festa dell’Assunzione di Maria in cielo rappresenta l’esaltazione suprema che la religione fa del femminile. Sebbene questo dogma sia stato l’ultimo tra i dogmi mariani che la Chiesa ha

Approfondimenti

Noi siamo ciò che nostro padre mangia. La dieta del padre prima della nascita di un bambino determina la salute futura

Alcuni scienziati hanno scoperto dei collegamenti tra una dieta povera e cambiamenti nelle cellule dello sperma. Condurre una vita sana a vent’anni può avere effetti positivi quando si tratta di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi