La Segre snobba il convegno della Lega sull’antisemitismo: “Sono impegnatissima”

Liliana Segre non parteciperà al convegno sulle nuove forme dell’antisemitismo organizzato a Roma dalla Lega il 16 gennaio. La senatrice a vita ha spiegato di aver “ricevuto l’invito, ma nel mese di gennaio sono impegnatissima”.

“Apprezzo l’iniziativa sull’antisemitismo, un problema che si riaffaccia virulento nelle cronache del nostro tempo in tanti Paesi d’Europa e del mondo intero – ha spiegato la Segre -. Ritengo però che non si debba mai disgiungere la lotta all’antisemitismo dalla più generale ripulsa del razzismo e del pregiudizio che cataloga le persone in base alle origini, alle caratteristiche fisiche, sessuali, culturali o religiose”.

Matteo Salvini, da parte sua, ha spiegato che “la capisco e la ringrazio per la risposta”. Il leader della Lega ha quindi spiegato che il convegno “sarà una bellissima giornata in cui lanceremo dentro e fuori il parlamento una grande campagna in difesa di Israele perché nel 2020 gli antisemiti, quelli che odiano Israele, non possono essere compresi nel contesto civile, quindi i nemici di Israele sono miei nemici”.

Salvini ha quindi riferito di aver incontrato la senatrice di recente, e che è stata un’occasione “molto bella, che mi ha arricchito”.

Previous IL NUOVO ANNO TRA TRADIZIONE ED INNOVAZIONE DEI DOLCI DELLE FESTE INCONTRO CONFRONTO ALLA PASTICCERIA CHARLOT DI CARDITO
Next La Regina Elisabetta convoca un vertice di famiglia lunedì

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

TRUMP HA RICORDATO LA PROPRIA RICETTA POLITICA:PATRIOTTISMO,ISOLAZIONISMO E PROTEZIONISMO.OPZIONE CINESE PER L’EUROPA?

Nel giorno del giuramento Trump ha ricordato al mondo la propria ricetta politica: patriottismo, isolazionismo e protezionismo. I plausi alla Brexit, le insofferenze verso Europa e Nato, il riavvicinamento alla Russia di Putin, la

Officina delle idee

Commissione Juncker, chi conta e chi no

Nella nuova Commissione europea, quella presieduta da Jean-Claude Juncker, c’è un po’ di tutto: riformisti, liberali, radicali, uomini, donne, di qualunque Paese membro dell’Unione. Come nella precedente Barroso II. Ma

Officina delle idee

BASSOLINO ALL’AUGUSTEO: “IO COMBATTO PER VINCERE”

Il 13 febbraio scorso, Valeria Valente aveva scelto il Teatro Augusteo per incontrare l’elettorato napoletano, e quel teatro sembrava colmo. Oggi, che si riempie di nuovo per Antonio Bassolino, tocca

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi