La Squadra mobile della Questura di Napoli ha fermato un minorenne coinvolto nell’omicidio di Coroglio

La Squadra mobile della Questura di Napoli la scorsa notte ha fermato un minorenne che era stato  coinvolto nell’omicidio di Coroglio, a Napoli, di Agostino Di Fiore, 28 anni.
Dapprima una lite in una discoteca di Bagnoli, a Napoli, per  dei banali motivi. Poi il giovane, residente nel quartiere di Scampia,  ha incontrato lungo la strada le persone con le quali aveva litigato nel locale. Qualcuno ha preso la pistola. Sono stati esplosi in tutto quattro colpi, uno dietro l’altro, e per il 28enne non c’è stato scampo: è morto subito. Le accuse ipotizzate dalla procura dei Minorenni di Napoli nei confronti del giovane bloccato dalla Polizia, secondo organi di stampa,  sono di concorso in omicidio, porto e detenzione di arma da fuoco. 

Previous MONDIALI IN RUSSIA :SARA' LA COMPETIZIONE PIU' COSTOSA DI SEMPRE !
Next UN GIOVANE NIGERIANO DI 17 ANNI RESIDENTE A CASERTA PERDE LA VITA ANNEGANDO IN PISCINA NELLA VILLA DOVE LAVORAVA

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

BERLUSCONI RINVIATO A GIUDIZIO PER CORRUZIONE DI TESTIMONI.IL SUO AVVOCATO:”IL RISCHIO E’ CHE SI PROCESSI IL REATO DI GENEROSITA'”

L’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio oggi dal gup di Milano nello stralcio del procedimento cosiddetto Ruby ter, che lo vede imputato per presunta corruzione

Qui ed ora

Universiadi , il Coni scende in campo e sigla un accordo per luglio 2019

L’esperienza del Coni e’ di essere al fianco del commissario per consentire lo svolgimento delle Universiadi 2019 di Napoli che sono messe a rischio da una partenza a ostacoli: ora

Qui ed ora

TRAGEDIA PUGLIA, CANTONE: ”OGGETTIVO COLLEGAMENTO CON LA CORRUZIONE”

l disastro ferroviario in Puglia ”evidenzia purtroppo un oggettivo collegamento con la corruzione”. Lo ha detto il presidente dell’Anticorruzione, Raffaele Cantone, sottolineando che l’incidente ”è frutto probabilmente di un errore

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi