LA TRACHEOTOMIA NON SARA’ PIU’ UN PROBLEMA GRAZIE ALLA RICOSTRUZIONE DELLA TRACHEA CON TESSUTI DELLA AORTA

Diversi pazienti che soffrivano di una tracheotomia possono ormai respirare normalmente grazie alla ricostruzione della loro trachea con tessuti provenienti dall’aorta. All’origine degli interventi, mai tentati prima, un’equipe chirurgica di Parigi.

La scelta dell’equipe è stata quella di trasformare – attraverso “l’ingegneria dei tessuti” – le aorte, il più grande canale sanguigno del corpo umano, in trachee. Le aorte erano state prelevate su donatori deceduti, conservate a – 80 gradi. Il loro tessuto è stato impiantato insieme con uno ‘stent’ al posto di una trachea che era stata tolta. “E dopo – ha spiegato il professore Emmanuel Martinod, dell’ospedale ‘Avicenne’ di Bobigny (Parigi), in occasione del congresso della Società americana di patologia toracica a San Diego – è arrivata la sorpresa più grande: l’aorta si è trasformata in trachea”.

La trachea, ha spiegato l’esperto, “si è messa da sola ad assicurare le funzioni respiratorie. Nessuna magia, ma all’inizio nessuno ci credeva per davvero”.

Previous CASERTANO ,DUE ARRESTI PER TRUFFA SU RISCOSSIONE DELLE TASSE
Next Pompei, partono i restauri alle urne cinerarie

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

FISCO : BOOM RIMBORSI IRPEF

Tra fine agosto e i primi di settembre gli italiani finiranno di incassare quasi 20 miliardi di rimborsi Irpef per i redditi 2016. I contribuenti che hanno chiuso la dichiarazione

Economia e Welfare

Banche:+68% clienti per smartphone e tablet

Sempre più clienti delle banche che realizzano operazioni, bonifici e controllo conti correnti da spartphone e tablet. Secondo i dati di Abi Lab nel 2017 i clienti attivi sul mobile

Economia e Welfare

Biotestamento ed eutanasia legale: il week end di Radicali Italiani sul fine vita. Due i tavoli a Napoli

Fine settimana all’insegna dei diritti, della laicità e del fine vita per Radicali Italiani che a Napoli, nell’ambito della Giornata del biotestamento, ha dato vita a due appuntamenti informativi in

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi