Lavoro: 2,2 milioni di nuovi contratti stabili nel 2017

Dopo il grande incremento avvenuto nel 2016 e nel 2017 grazie soprattutto agli incentivi contributivi, i contratti a tempo indeterminato nel 2017 diminuiscono e tornano a livello del 2014. Sono queste le nuove statistiche evidenziate dalle tabelle contenute nella Nota congiunta sull’occupazione di Istat, Ministero Lavoro Inps, Inail e Anpal secondo le quali nel 2017 le attivazioni a tempo indeterminato e le trasformazioni in rapporto di lavoro stabile sono state 2.220.000 con un calo del 10,77% rispetto al 2016 (2.488.000), anno nel quale c’erano ancora incentivi seppur ridotti.

Nell’ultimo trimestre dell’anno 2017 ,si è sottolineato il numero di attivazioni a tempo determinato raggiunge il livello massimo (1 milione 891 mila) della serie storica dal primo trimestre 2011.In maniera più approfondita , le  attivazioni nel trimestre sono 2,336 milioni e le cessazioni 2,262 milioni (con un saldo di +75 mila posizioni).

Altro da prendere in considerazioni è quello legato al tasso di di occupazione destagionalizzato che è risultato pari al 58,1%, in crescita di un decimo di punto rispetto al trimestre precedente. Prendendo in considerazione l’ultimo decennio (2008-2017), il tasso aumenta di quasi tre punti percentuali rispetto al 55,4%, valore minimo del terzo trimestre 2013, “proseguendo nella tendenza al recupero dei livelli massimi pre-crisi” (58,8% nel secondo trimestre del 2008). E’ quanto si afferma nella nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione, pubblicata da Istat, ministero del Lavoro, Inps, Inail e Anpal. Il tasso di disoccupazione, ricorda la nota, nel quarto trimestre 2017 si è attestato all’11%.

Infine , ultimi dati da evidenziare sono quelli riguardanti il numero di lavoratori ‘a chiamata’ o ‘intermittenti’ nel quarto trimestre 2017 che  continua a crescere, mettendo a segno un +69,2% rispetto allo stesso trimestre 2016, con un incremento assoluto di 89 mila unità, che li fa così passare da 128 mila a 217 mila in totale.

Previous San Giorgio a Cremano: ritorna l'incubo delle baby gang
Next NAPOLI: RITORNA "APPUNTAMENTO CON L'ESPERTO" PER SCOPRIRE L'ARTE DEL BAROCCO IN CITTA'

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Sanità in Campania, un vero disastro

La situazione sanitaria campana è sempre più problematica. Negli ultimi giorni, forse perché si avvicinano le elezioni regionali, il dibattito sulla Sanità in Campania si è riacceso. Non che prima

Economia e Welfare

Ambiente, VIGLIONE(M5S): Multa Unione Europea per i rifiuti, schiaffo per De Luca-Bonavitacola

“L’Unione Europea con il decreto ingiuntivo per 22 milioni di euro conseguente alla sentenza della Corte di Giustizia Europea che condanna la Regione Campania per reato ambientale conferma ciò che

Economia e Welfare

ITALIA ,ALLARME PER L’ABBANDONO SCOLASTICO

I ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano, i cosiddetti Neet, sono quasi uno su quattro nel 2017, il 24,1%, stabili rispetto all’anno

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi