Lavoro: 2,2 milioni di nuovi contratti stabili nel 2017

Dopo il grande incremento avvenuto nel 2016 e nel 2017 grazie soprattutto agli incentivi contributivi, i contratti a tempo indeterminato nel 2017 diminuiscono e tornano a livello del 2014. Sono queste le nuove statistiche evidenziate dalle tabelle contenute nella Nota congiunta sull’occupazione di Istat, Ministero Lavoro Inps, Inail e Anpal secondo le quali nel 2017 le attivazioni a tempo indeterminato e le trasformazioni in rapporto di lavoro stabile sono state 2.220.000 con un calo del 10,77% rispetto al 2016 (2.488.000), anno nel quale c’erano ancora incentivi seppur ridotti.

Nell’ultimo trimestre dell’anno 2017 ,si è sottolineato il numero di attivazioni a tempo determinato raggiunge il livello massimo (1 milione 891 mila) della serie storica dal primo trimestre 2011.In maniera più approfondita , le  attivazioni nel trimestre sono 2,336 milioni e le cessazioni 2,262 milioni (con un saldo di +75 mila posizioni).

Altro da prendere in considerazioni è quello legato al tasso di di occupazione destagionalizzato che è risultato pari al 58,1%, in crescita di un decimo di punto rispetto al trimestre precedente. Prendendo in considerazione l’ultimo decennio (2008-2017), il tasso aumenta di quasi tre punti percentuali rispetto al 55,4%, valore minimo del terzo trimestre 2013, “proseguendo nella tendenza al recupero dei livelli massimi pre-crisi” (58,8% nel secondo trimestre del 2008). E’ quanto si afferma nella nota trimestrale sulle tendenze dell’occupazione, pubblicata da Istat, ministero del Lavoro, Inps, Inail e Anpal. Il tasso di disoccupazione, ricorda la nota, nel quarto trimestre 2017 si è attestato all’11%.

Infine , ultimi dati da evidenziare sono quelli riguardanti il numero di lavoratori ‘a chiamata’ o ‘intermittenti’ nel quarto trimestre 2017 che  continua a crescere, mettendo a segno un +69,2% rispetto allo stesso trimestre 2016, con un incremento assoluto di 89 mila unità, che li fa così passare da 128 mila a 217 mila in totale.

Previous San Giorgio a Cremano: ritorna l'incubo delle baby gang
Next NAPOLI: RITORNA "APPUNTAMENTO CON L'ESPERTO" PER SCOPRIRE L'ARTE DEL BAROCCO IN CITTA'

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

ISTAT: SECONDO UNA STIMA, SALE L’ASPETTATIVA DI VITA

Nel 2016 si sono avuti oltre 615 mila decessi tra i cittadini residenti, 32 mila in meno del 2015 (-5%). In rapporto al numero di residenti, nel 2016 sono deceduti

Economia e Welfare

ISTAT : REDDITI E CONSUMI IN RIALZO

Nel primo trimestre del 2017 il reddito disponibile delle famiglie è aumentato dell’1,5% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dell’1,3%. In entrambi i casi si tratta degli

Economia e Welfare

Mercato auto Italia -7,4% a ottobre

Ancora un segno negativo per il mercato delle auto in Italia. A ottobre i veicoli immatricolati sono stati 146.655, il 7,4% in meno rispetto allo stesso mese del 2017, quando

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi