Lavoro: Poletti “I dati Istat di luglio confermano positivamente le tendenze di breve e di lungo periodo”

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha commentato i dati diffusi dall’Istat su occupati e disoccupati, nel mese di luglio 2016.

Essi, sottolinea il Ministro, confermano positivamente le tendenze di breve e di lungo periodo, ma per migliorare questi risultati occorre confermare la scelta di politiche espansive che sostengano consumi e investimenti. “Dopo quattro mesi di crescita – ha dichiarato Poletti – il mercato del lavoro registra, a luglio, un calo, determinato essenzialmente dalla diminuzione dei lavoratori indipendenti, che erano invece aumentati nel mese precedente”. Resta stabile il dato relativo al lavoro dipendente.

Il Ministro sottolinea come siano positivi i dati riferiti alle tendenze sia di breve che di lungo periodo che indicano, nel trimestre maggio-luglio, una crescita di 157mila unità e, su base annua, di 266mila unità. Da sottolineare, in particolare, il miglioramento della qualità del lavoro che segna un aumento (+ 244mila) dei lavoratori dipendenti stabili su base annua.

Infine, Poletti ricorda che prima dell’insediamento del governo Renzi, gli occupati erano 22milioni e 180mila, oggi sono 22milioni e 765mila. Il numero degli occupati è cresciuto di 585mila unità.

 

Previous FINALMENTE CHIUDE IL CALCIOMERCATO. JUVE SFUMA WITSEL, MAXIMOVIC-NAPOLI OK CON IL BRIVIDO E GABBIA RIMANE
Next Ritorna il Pompei Extra Moenia Festival

L'autore

Può piacerti anche

ultimissime

Morbillo: 41.000 casi Europa nel 2018

Oltre 41mila adulti e bambini nella regione europea dell’Oms sono stati colpiti dal morbillo nei primi sei mesi del 2018, più di tutti quelli registrati in un intero anno in

ultimissime

Atalanta-Napoli 2-0: Gattuso, addio alla Champions

Il discorso Champions potrebbe essersi definitivamente chiuso. La sconfitta del Napoli in casa dell’Atalanta consente a Gasperini di tagliare fuori definitivamente dalla corsa Gattuso, che interrompe la sua serie di cinque vittorie consecutive e resta a 15 punti

ultimissime

Gentiloni ai grandi d’Europa: “Serve un aiuto concreto dall’Ue,siamo sotto pressione.Noi abbiamo un atteggiamento umanitario e lo confermeremo.”

“Siamo di fronte a numeri crescenti che, alla lunga, potrebbero mettere a dura prova il nostro sistema di accoglienza”. La questione dell’emergenza sbarchi arriva anche a Berlino, al vertice preparatorio del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi