” LE CAFFETTIERE DEI MIEI BISNONNI” : IL NUOVO LIBRO DI CHIARA ALESSI, NIPOTE DELL’INVENTORE DELLA BIALETTI, PERCHE’ : ” LE ICONE NON ABITANO PIU’ QUI”

Nella nostra era non esistono più le icone, non esistono più i grandi inventori, perchè oggi si contano sulle dita delle mani. C’è invece, una donna con un cognome importante, figlia d’arte, Chiara Alessi, nipote di Alfonso Bialetti, inventore della macchinetta da caffè più famosa nel mondo, e di Giovanni Alessi, dell’omonima azienda di casalinghi, è cresciuta circondata da oggetti di design a pochi passi dalle fabbriche dei suoi bisnonni. che nel suo ultimo libro ‘Le caffettiere dei miei bisnonni‘ edito da Utet, spiega appunto perchè è finita l’epoca delle icone nel design italiano.Quegli oggetti meravigliosi, innovativi,  riconoscibilissimi, alla bellissima poltrona ‘Sacco ‘ di Zanotta immortalata nei film di Fracchia o la radio ‘Cubo’, disegnata da Marzo Zanuso e Richard Sapper nel 1963, o la lampada ‘Tizo’ di Artemide realizzata nel 1972 sempre di Richard Sapper, non nascono più, non si inventano più. Questo perchè i  tempi sono completamente cambiati e se per moltissimo tempo il design si è interessato , a icone d’autore quindi, a ridosso  degli anni duemila,  l’attenzione ha iniziato a dirigersi su altre sponde. Le icone dunque non hanno  più posto nelle cose perchè  le cose rispondono a domande diverse, fra loro . Secondo Chiara Alessi, dunque, le icone ‘’non hanno dei nipoti e non è colpa di nessuno” ed è per giunta sbagliato ”considerare la scomparsa delle icone un fallimento”. Con le invenzioni, la mitica Bialetti ad esempio famosa oltre che per il caffè anche per l’ologramma dell’omino con i baffi, caricatura di Paul Campani, si è riusciti a sfamare le famiglie degli operai, a far studiare i figli, ad accontentare i desideri e le speranze del Paese, insomma si è contribuito a far crescere l’Italia tutta, nella sua interezza.Ma secondo Chiara Alessi ci dobbiamo rassegnare perchè ’’le icone non abitano più qui’’ perché i nuovi oggetti ’’sono una fotografia del presente un selfie, il presente che guarda se stesso’’. Quelle sono le nuove icone, le mode che si possono richiudere in un selfie, niente di solido insomma.

Risultati immagini per design

Previous Cresce il divario: i più poveri hanno solo 1,8% redditi
Next Le reazioni del mondo cristiano allo storico vertice di Panmunjeom ·

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

SERATA EVENTO PER LA PRIMA NAPOLETANA DI “DORIAN GRAY. LA BELLEZZA NON HA PIETÁ”

  Grande attesa per il grande evento: arriva a Napoli alTeatro di San Carlo, l’opera di teatro musicale“Dorian Gray. La bellezza non ha pietà”prodotto dallo stilista e mecenatePierre Cardinscritto dall’apprezzatissimo autoreDaniele

Officina delle idee

Pariota:”immigrati:solidarietà flessibile, è l’ora della realpolitik”

La solidarietà flessibile – eufemismo che vorrebbe coprire il gigantesco fallimento europeo sulle politiche per l’immigrazione – si è fatta strada prepotentemente nell’ultimo vertice di Salisburgo. Altro che redistribuzione equa

Officina delle idee

Il grillismo, malattia infantile del renzismo

di Ernesto Nocera   L’ultima novità organizzativa del PD è il regolamento per la costituzione dei circoli on line. Proprio così. La condizione per la costituzione è la presentazione di

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi