“Le idee nuove” di SEL per riformare il Sistema Sanitario Regionale Campano

Si è tenuto venerdì 13 marzo a Napoli l’incontro tra esponenti e sostenitori di Sinistra Ecologia e Libertà avente per tema centrale il servizio sanitario regionale in Campania. Molti i temi toccati e le proposte fatte, ma andiamo con ordine.

Prima di iniziare con la tavola rotonda, ci sono state una serie di testimonianze di medici, esponenti politici e dei sindacati, fin qui tutti concordi sul fatto che lo sblocco del turnover si è avuto dalla regione Campania troppo in concomitanza con le nuove elezioni per non destare sospetti.

I sospetti sono gli stessi che Vincenzo De Luca, fresco vincitore delle primarie PD, aveva nella stessa giornata di venerdì manifestato, definendo la mossa di Caldoro come una “truffa mediatica”. Ma SeL alza il tiro ipotizzando il benestare placido del segretario del Pd Matteo Renzi, che permette tale propaganda elettorale a un Presidente di Regione in scadenza di mandato.

Alle ore 17.00 è iniziato poi il dibattito sulle proposte di SeL, durante il quale è emersa la necessità di staccare la spina con la vecchia gestione ridefinendo con criteri nuovi l’asset sanitario e distrettuale: c’è bisogno di ridefinire il ruolo e la funzione degli ospedali territoriali, riqualificando e risanando le aziende e le strutture sanitarie pubbliche, il tutto eliminando del tutto le infiltrazioni camorristiche; ci vogliono nuove risorse e la stabilizzazione di quelle precarie, mai più pronto soccorsi al collasso e pagamento di straordinario normale e di straordinario in auto-convenzione a personale sempre più sotto pressione.

Queste le proposte di SEL per riportare finalmente la sanità campana a livelli accettabili:
– Piano per la trasparenza e anticorruzione in Sanità;
– Piano straordinario per la riduzione delle liste di attesa ed eliminazione dei  tickets a partire dalle fasce più   povere della popolazione;
– Livelli Essenziali di Assistenza Socio –Sanitaria per il benessere della Campania;
– Conclusione del commissariamento e del Piano di Rientro.

L’incontro è terminato alle ore 19:00 con le conclusioni di Dino Di Palma – Presidenza Nazionale di Sel; moderatori dell’incontro sono stati Giuseppe Carillo – Coordinamento Regionale Sel e Roberto Ziccardi – Presidente Associazione Salus Pubblica Sud.

Molti gli ospiti intervenuti in maniera non programmata, tra cui: Andrea Apuzzo – Medico volontario Ambulatorio, Medico Solidale S.Domenico, Anna Canzanella – Funzione Pubblica CGIL, Mario Coppeto – Presidente della Municipalità Arenella/Vomero, Giuseppe Galano – Direttore Centrale operativa 118 Campania e Napoli, Salvatore Iacomino – Medico A.S.L. Salerno, Anna Marro Geriatra – Esperta presidi sanitari per anziani, Alessandro Roca – Medico A.O.U. Federico II. Inoltre all’iniziativa hanno partecipato: Ivan Cavicchi – Università Tor Vergata di Roma, Giuseppe Comella – ISDE Associazione Medici per l’Ambiente, Paolo Ricci – Università degli Studi del Sannio – Benevento Presidente G.B.S. – Gruppo Bilancio Sociale di Milano, e Silvestro Scotti – Presidente Ordine dei medici di Napoli

 

Previous Ospedale del Mare: finalmente l’inaugurazione dopo polemiche e inchieste
Next La crisi morde ma Benevento tira un sospiro di sollievo

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

Giustizia: 359 nuove unità di personale dal 1 settembre negli uffici giudiziari

Sono 359 le nuove unità di personale in mobilità obbligatoria che prenderanno servizio negli uffici giudiziari dal prossimo 1 settembre. Si conclude così la prima fase di trasferimenti degli esuberi

Economia e Welfare

Pozzuoli carcere in salute, Fuorni da incubo. Le visite ispettive dei Radicali per il Mezzogiorno Europeo

I Radicali per il Mezzogiorno Europeo hanno visitato, sabato 10 novembre, le carceri di Pozzuoli e di Fuorni. Le ispezioni hanno concluso la due giorni che si era aperta venerdì

Economia e Welfare

REGIONE CAMPANIA: IN ARRIVO 149 MILIONI DI EURO PER GLI INTERVENTI DI ADEGUAMENTO E MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

Tramite  il secondo riparto di risorse del fondo nazionale per il finanziamento degli interventi in edilizia scolastica, il Ministero dell’Istruzione ha distribuito un miliardo di euro alla Regione Campania .

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi