LE RAGIONI DELLA NASCITA DI IMMAGINARE FUTURO

di Samuele Ciambriello

IMMAGINARE FUTURO nasce come associazione politico-culturale, dalla fusione di estrazioni sociali ed esperienze politiche diverse, da parte di chi, discutendo e condividendo i valori fondanti di una società avanzata, libera, democratica e solidale, si ispira a quegli stessi valori per promuovere un rinnovamento che sia politico e sociale insieme.

Non si può più ignorare l’esigenza imprescindibile di un aumento dell’autonomia e potestà decisionale delle Municipalità, che necessitano di impegnarsi nella lotta agli sprechi, ma anche di garantire una sempre maggiore qualità ed efficienza dei servizi da esse erogati, senza i quali è impensabile immaginare uno sviluppo economico e sociale di una vasta e complessa area urbana.

L’obiettivo principe dev’essere, per tutti noi, quello di snellire il funzionamento di una gigantesca macchina comunale, tanto più grande in una città metropolitana come quella di Napoli; di cercare di abbreviare, con i vari passaggi intermedi, i tempi delle decisioni e degli interventi; di rendere i cittadini parte integrante dell’ingranaggio politico e collettivo, per assicurarsi che ne abbiano una conoscenza più diretta e specifica e che le soluzioni ai vari problemi siano più rispondenti alle loro aspettative.

Alla base della fondazione di IMMAGINARE FUTURO c’è la forte volontà di delegare alle Municipalità nuove competenze e poteri, perché le Municipalità non siano una mera istituzione nominale svuotata di contenuto, ma vengano riconosciute nella loro funzione di ente giuridico, che goda di autonomia amministrativa, finanziaria e gestionale nei limiti stabiliti dallo statuto. L’ambito in cui si muove è quella dell’area democratica e di sinistra, ma punta al rinnovamento della sinistra stessa e a riavvicinare i residenti ai territori affinché la cittadinanza si traduca innanzitutto in partecipazione attiva.

IMMAGINARE FUTURO si muove sulla scia dell’esempio del federalismo tedesco che afferma il principio dell’omogeneizzazione di servizi e strutture per i cittadini e che salvaguarda l’esclusività di una serie di poteri e competenze, che resterebbero affidati al Comune ma a cui sarebbe preclusa la possibilità di condizionare o limitare l’autonomia delle municipalità, se non in casi di stretta necessità disciplinati dallo statuto.

L’ideale cui si ispira è quello di città che sappia garantire una risposta pronta ed efficace alle incertezze e alle esigenze dei suoi abitanti, senza per questa ricorrere ogni volta ad atteggiamenti rinunciatari e difensivi, che la portano ad arroccarsi sull’eremo della chiusura e dell’abdicazione. In cima alla lista dei nostri principi dev’esserci pertanto un disegno organico della città di Napoli, capace di sintetizzare tutte le sinergie disponibili e di assicurare la collaborazione tra le parti. Obiettivo finale è pertanto un decentramento capace di un reale raccordo tra cittadini ed istituzioni centrali, che parta dai bisogni reali, salvaguardi la varietà e la ricchezza delle differenze, le risorse e le specificità dei singoli territori.

IMMAGINARE FUTURO lavorerà per favorire la nascita e lo sviluppo di tutte le forme e le esperienze di democrazia diretta e dal basso, e sarà ben lieta di collaborare con i soggetti politici e sociali che perseguano i suoi stessi obiettivi, nella città di Napoli, che non partecipino al teatrino della politica ma operino tenendo sempre al centro il bene comune.

Si prefigge di ricreare un nuovo punto di vista critico verso l’ordine sociale esistente, partendo dagli universali valori di libertà e partecipazione e arrivando alla costruzione di una nuova cultura fondata sulla pace, sull’ambiente e sulla cooperazione fra individui.

Samuele Ciambriello

Presidente associazione IMMAGINARE FUTURO

P.s La presentazione della associazione IMMAGINARE FUTURO, si terrà sabato 16 aprile, alle ore 12,30, presso la sede di “Run Comunication”, a Napoli, al Parco Margherita, nei pressi di Piazza Amedeo. Interverranno, oltre al Presidente dell’associazione, Samuele Ciambriello, Davide Leonardi, consigliere della municipalità Bagnoli – Chiaia – Fuorigrotta, Venanzio Carpentieri, segretario provinciale del PD e Valeria Valente, candidata del centrosinistra al comune di Napoli.

Previous INAUGURATO A NAPOLI IL PRIMO POLO PER LE FAMIGLIE NELLA DECIMA MUNICIPALITA'. PRESENTE ANCHE IL SINDACO LUIGI DE MAGISTRIS
Next MATTARELLA INCONTRA UNA DELEGAZIONE DELLA CONFERENZA DEI PRESIDENTI DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

CAPODANNO, DE MAGISTRIS: ” PIAZZA PIENA MA TROPPE TRANSENNE”

“Piazza piena ma troppe transenne. L’immagine che si vede un po’ ovunque è quella di un Paese che ha troppa paura“, così riferisce il sindaco Luigi de Magistris, aggiungendo che

Qui ed ora

PAOLO BORSELLINO, A VENTITRÈ ANNI DALLA SCOMPARSA

“È bello morire per ciò in cui si crede; chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola” Sono parole di Paolo Borsellino, il magistrato

Qui ed ora

Maltempo, dopo l’ultima mareggiata quintali di plastica sulla spiaggia di Napoli

Quintali di plastica e di rifiuti vari sono stati trasportati dalle mareggiate dei giorni scorsi sull’arenile del lungomare Caracciolo a Napoli dove sono all’opera, per la rimozione, gli operatori del

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi