“LEONARDO DA VINCI. LA SCIENZA PRIMA DELLA SCIENZA”, LA MOSTRA CHE CELEBRA IL GENIO POLIEDRICO ESPOSTA ALLE SCUDERIE DEL QUIRINALE

Con questa prestigiosa esposizione  l’Italia rende omaggio al genio di Leonardo, situato nel ricco contesto culturale del suo tempo. Il ricco numero di opere esposte, la loro importanza e l’accurato progetto scientifico, contribuiscono a rendere la mostra un appuntamento di grande rilievo nel fitto calendario delle celebrazioni per i 500 anni della morte del maestro toscano”. Così si è espresso   Mario de Simoni, presidente e Ad di Ales Spa mentre Claudio Giorgione, che è il  curatore della mostra e del Museo nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano ha dichiarato in merito  ‘‘evidenziandone le relazioni con il pensiero dei suoi contemporanei. Questa esposizione  è resa speciale dall’eccezionale integrazione tra i modelli della collezione storica del museo, i fogli del Codice Atlantico della Biblioteca Ambrosiana e i preziosi prestiti concessi da prestigiose istituzioni italiane ed europee’‘.. La mostra dal titolo ”Leonardo da Vinci. La scienza prima della scienza”, ospitata fino al 30 giugno alle Scuderie del Quirinale insegue un percorso tematico e cronologico, mettendo in connessione Leonardo con i luoghi della sua vita, vanta già la vendita di 15 mila biglietti venduti.

E’ stato un genio che ci sorprende ancora oggi, non c’è una disciplina che non l’abbia visto coinvolto dalle arti alla filosofia all’anatomia. E’ un immortale lo possiamo dire.
    Leonardo è sempre evocato e sempre presente. Ci rende orgogliosi, anche come sistema Italia“. A parlare di genio è il  il premier Giuseppe Conte alla presentazione delle Celebrazioni del Cinquecentario dalla morte di Leonardo presso la Galleria Colonna, così come lo definisce il sottosegretario Lucia Borgonzoni, la quale  dichiara : “Leonardo era un genio italiano poliedrico che aveva qualcosa da dire su ogni argomento.Sono già 500 eventi, ma continuano ad arrivarne e quindi sarà un work in progress“. Oltre 200 opere saranno ammirate dal pubblico in un percorso che attraversa i temi affrontati da Leonardo. Si vedranno l’uso  disegno e della prospettiva in quanto strumenti di conoscenza e rappresentazione, l’arte della guerra tra tradizione e innovazione,  la riflessione sulla città ideale e tutte quelle idee che hanno fatto dell’artista un genio nel mondo.

Un work in progress che unisce l’arte magnifica di Leonardo alla magnificenza della tecnologia, è in arrivo infatti un’app che si chiamerà ” app Leonardo 500″ per poter  conoscere tutte le iniziative su Leonardo ai visitatori della mostra o a chi vorrà visitarla.

Molti turisti, sia italiani che stranieri, che ammirano l’inventore, l’artista e lo scienziato italiano, non potranno perdersi questa mostra a lui dedicata  . Leonardo da Vinci, ha arricchito di pregio la cultura italiana facendola ammirare nel mondo,massimo esponente del dialogo fra scienza e arte, la cui attività poliedrica si è nutrita di abilità creative, di capacità di osservazione e di un costante lavoro di ricerca e sperimentazione che tende  a indagare le connessioni tra le cose, e a leggere il mondo nella sua unitarietà.

Previous GOLF ,MOLINARI :" SONO ORGOGLIOSO DI QUANTO SONO RIUSCITO A FARE "
Next Carcere di Poggioreale, Ciambriello: chiusi oggi due progetti dell'Ass. “La Mansarda” con la testimonianza dell’attore napoletano Salvatore Striano.

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

DIGITAL MAGICS DEMO DAY 2018: 8 STARTUP PRESENTANO LE LORO INNOVAZIONI A INVESTITORI, BUSINESS ANGEL E AZIENDE

  Dalla più grande community italiana di sharing (condivisione) di trasporti di merce ingombrante, alla piattaforma tecnologica capace di profilare i clienti che accedono negli store e in grado di classificare

Officina delle idee

Valente(PD) sullo Ius soli:”Abbiamo l’obbligo politico di rimettere in piedi un ragionamento che superi la demagogia e le strumentalizzazioni.”

Il rinvio del disegno di legge sullo #iussoli e le polemiche generate dalle parole di Matteo Renzi sull’immigrazione rendono necessaria qualche parola di chiarezza. Innanzitutto, il Partito Democratico vuole approvare

Officina delle idee

VIAGGIO NELLA NAPOLI CHE NESSUNO SI ASPETTA TRA MISTERO ED ENORME BELLEZZA

Il Tunnel Borbonico, già ribattezzato Galleria Borbonica, prende il nome dal re Ferdinando II di Borbone che nel 1853 ne avviò la realizzazione allo scopo di creare un collegamento segreto

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi