Linee guida Ue su Intelligenza Artificiale, l’uomo al centro

Avanti con l’intelligenza artificiale, ma con al centro l’uomo e il suo controllo per poter garantire la fiducia necessaria al suo funzionamento. E’ l’approccio europeo alla nuova tecnologia che sta già rivoluzionando tutti i settori e di cui la Commissione Ue ha presentato oggi le sue linee guida etiche. A queste seguirà a fine giugno il lancio di una fase pilota e poi a inizio 2020 una valutazione con revisione dei punti chiave, se necessaria.

“Al centro si trova l’uomo, è l’uomo che domanda, questo è l’approccio europeo”, ha sottolineato la commissaria Ue al digitale Maryia Gabriel nel presentare i 7 principi al centro delle linee guida, stesi sulla base degli oltre 500 contributi inviati a Bruxelles dagli attori dei diversi settori coinvolti. L’obiettivo di queste ‘linee rosse’ è infatti assicurare la “fiducia” nell’intelligenza artificiale, che è “primordiale per beneficiare” del suo utilizzo, ha avvertito Gabriel.

Il primo dei principi contenuti nelle linee guida Ue sull’Intelligenza Artificiale (AI) prevede che ci debba essere sempre un controllo umano, perché l’obiettivo è migliorare l’agire umano e i suoi diritti, non ridurre la sua autonomia. Il secondo prevede che gli algoritmi devono essere sicuri, affidabili e resistenti di fronte ad errori o incoerenze delle diverse fasi del ciclo di vita dei sistemi di AI. Il terzo che i cittadini devono essere sempre informati dell’utilizzo dei loro dati personali e averne il pieno controllo in modo che non siano utilizzati contro di loro, e questo deve essere fatto in linea con le regole Ue sulla tutela della privacy del Gdpr.

Il quarto principio prevede trasparenza, garantendo la tracciabilità dei sistemi di intelligenza artificiale. Il quinto, garantire la diversità e la non discriminazione, con esseri umani che possano essere in grado di modificare le decisioni degli algoritmi tenendo conto di tutti i fattori necessari. E con meccanismi di ricorso umano contro le decisioni degli algoritmi, per assicurare la responsabilità di chi gestisce i sistemi di calcolo in caso di danni o incidenti. Infine, l’intelligenza artificiale dovrà lavorare a favore del benessere sociale e ambientale, aumentando la sostenibilità ecologica. “Una persona deve sempre sapere quando si trova di fronte a una macchina e non a un essere umano”, ha spiegato la commissaria Ue, Maryia Gabriel, per questo “i sistemi di AI devono essere riconoscibili”.

Previous F1, Gp della Cina: trionfa Hamilton davanti a Bottas, terzo Vettel
Next Pasqua e 1 maggio, megaponte per 10 milioni di italiani

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

INTERVISTA A SALVATORE BORSELLINO: “LA CASA DI PAOLO: CHE SIA PUNTO D’INCONTRO E DI CRESCITA PER I GIOVANI A RISCHIO”.

«Qui si può trovare l’amore di  Paolo, quell’amore che ha improntato la sua vita e anche la sua scelta di morire. Morire per uno Stato che lo stava tradendo». Salvatore

ultimissime

L’EX RETTORE GUIDO TROMBETTI CONFESSA “SEI COSE IMPOSSIBILI,PRIMA DI COLAZIONE.”

Un matematico non ha bisogno di parole per raccontare il proprio operato. Ha bisogno della complessità dei numeri. Ma i numeri si sa, sono solitari e appassionano una cerchia ristretta

Officina delle idee

Una vita da social: viaggio nella Rete con la Polizia di Stato

Solo uno studente su cinque attribuisce ai social network un ruolo marginale nelle relazioni sociali, la stessa quantità di quelli che invece li ritengono fondamentali; per il restante 60% sono

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi