L’Instituto Cervantes di Roma presenta Nero Giallo INCONTRI SUL ROMANZO GIALLO

Un fiume d’inchiostro unisce la Spagna e l’Italia; un fiume d’inchiostro che si traduce nella passione di entrambi i paesi per i gialli moderni. Torna anche quest’anno “Nero/Giallo”, consueto appuntamento con la letteratura noir in lingua spagnola e italiana, organizzato e promosso dall’Instituto Cervantes di Roma, con il patrocinio di Turespaña e la collaborazione di Rai Radio3, Consejería de educación dell’Ambasciata di Spagna in Italia e Biblioteche di Roma. Da giovedì 22 a sabato 24 novembre 2018 la Sala Dalí di piazza Navona, 91 accoglierà alcuni tra i più autorevoli giallisti italiani, spagnoli e sudamericani per raccontare e analizzare il costante successo del genere letterario nato nella seconda metà del XIX secolo, che ancora oggi riscuote notevoli consensi grazie anche all’ausilio della fiction e del fumetto.

Tra suggestioni del racconto e analisi degli aspetti cruciali, lettura dei testi e aneddoti legati alla fase creativa, passeranno in rassegna storie attuali, situazioni avvincenti e surreali raccontate attraverso la novela negra, il romanzo giallo, il thriller, il noir, il poliziesco. Molteplici sfumature dello stesso colore e del medesimo genere narrativo che costituiscono il cuore pulsante dell’annuale happening romano con scrittori, illustratori, giornalisti, poeti, sceneggiatori e autori.

Si inizia giovedì 22 novembre alle ore 18:30 col primo dialogo dal titolo “Romanzo sociale o viaggio verso gli abissi seducenti del crimine?”, che vede protagonisti gli spagnoli Rosa Ribas e Lorenzo Silva con i nostri Giancarlo De Cataldo e Ilaria Tuti. A moderare l’incontro, la giornalista e scrittrice Loredana Lipperini.

Due gli appuntamenti in programma venerdì 23 novembre: alle 18 spazio a “Romanzo noir: l’esaurimento del modello o la reinvenzione infinita” con José Miguel Tomasena (Messico), Marcos Tarre (Venezuela) e Mirko Zilahy (Italia), moderati da Stefano Tedeschi. Si prosegue alle 19 con Carlos Salem (Argentina), Rayco Pulido (Spagna) e Paola Barbato (Italia) protagonisti di “Una narrativa di personaggi? Il Chisciotte che può essere Sancho o Sancho che può essere il Chisciotte”. A moderare questo incontro sarà il direttore dell’Instituo Cervantes di Roma, Juan Carlos Reche, poeta e scrittore insignito del Premio Nazionale per la Traduzione del MIBAC, per l’importante lavoro nel campo della traduzione e diffusione della cultura italiana all’estero.

Sabato 24 novembre alle ore 18.30 l’ultimo dei quattro dialoghi dal titolo “Gli altri libri” con lo scrittore cubano di origini asturiane Vladimir Hernández, lo spagnolo Ignacio del Valle (Spagna) e il toscano Giampaolo Simi, moderati dal giornalista e critico letterario Michele De Mieri.

In programma, inoltre, anche un incontro al Liceo Virgilio di Roma (23 novembre ore 11 – aperto agli studenti dell’istituto romano) con lo scrittore e investigatore privato spagnolo, Rafael Guerrero.

Tutti gli eventi di Nero/Giallo sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Previous LE TRIBOLAZIONI DI UN INNOCENTE
Next Stop all'impiego di modelle e modelli anoressici per le sfilate e le campagne pubblicitarie. Lo propone il M5s

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

NAPOLI: AL PAN LA MOSTRA DI GUIDO SACERDOTI DAL TITOLO “TENSIONI E ARMONIE “

Inaugura domenica 4 febbraio alle ore 10:30, presso le sale del secondo piano del PAN | Palazzo delle Arti Napoli, il progetto espositivo di Guido Sacerdoti – uomo di scienza e cultura, nipote di

Cultura

A SCUOLA, MENO PLASTICA PIÙ BORRACCE È L’ANNO DELLA SOSTENIBILITÀ

Di nuovo a scuola, ma con una aumentata sensibilità per i temi ambientali. Molti studenti sono impegnati, sull’esempio di Greta Thumberg, nei #FridaysforFuture e nelle manifestazioni per il clima come lo sciopero

Cultura

“ORFANI BIANCHI”: ANTONIO MANZINI CI CONDUCE NELLA VITA DI MIRTA PARTITA DALLA MOLDAVIA, PER FARE LA BADANTE IN ITALIA

“Orfani bianchi” è un libro che tratta un argomento doloroso e allo stesso tempo particolare:  le centinaia di migliaia di bambini dei paesi dell’est lasciati a parenti o istituti dopo che

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi