Lite tra coniugi, muore il fratello della moglie

Un uomo di 53 anni è morto per le conseguenze di una lite familiare a Giugliano. Il cognato è stato fermato con l’accusa di omicidio preterintenzionale, e  tutto è iniziato in via Gambuzzi con una lite tra la moglie, di 49 anni, ed il marito di 40. Nella discussione è entrato anche il fratello della donna, di 53 anni, con seri problemi di salute: nei concitati momenti che ne sono seguiti – secondo quanto riferito dai Carabinieri – si sarebbe spostata la cannula tracheale che l’uomo portava a causa di una grave malattia respiratoria. E’ stato richiesto l’intervento dei militari che hanno ricevuto la segnalazione relativa ad una persona che aveva avvertito un malore ma quando sono arrivati sul posto, con il 118, l’uomo era già morto.

Previous Ferragosto, aperti siti e Vesuvio
Next Si studia 'quota 100' pensioni, costa 4 miliardi

L'autore

Può piacerti anche

Qui ed ora

Uccide sorella al culmine di litigio

Ha ucciso la sorella soffocandola al culmine di un litigio poco dopo le 6.30 di stamattina. E’ accaduto ad Avellino, al terzo piano di una palazzina di via San Tommaso,

Qui ed ora

DE LUCA: “ LA PRIORITA’ DA RISPETTARE E’ PROPRIO QUELLA CHE RIGUARDA LA SANITA’. SUI CONTRATTI DEL PERSONALE MEDICO C’È UNA CONDIZIONE DI GRANDE SOFFERENZA E DI INCERTEZZA”

“Ci credo che sono arrabbiati. Non si chiude il contratto nazionale, c’è una scarsità di risorse. E’ evidente che c’è una condizione di grande sofferenza e anche di grande incertezza.

Qui ed ora

La villa del Boss Schiavone è stata “riconsegnata” alla comunità

Oggi è stata inaugurata la famosa villa soprannominata “Scarface” che era di proprietà  del famoso Boss dei Casalesi, Francesco Sandokan Schiavone, come centro riabilitativo gestito dall’Asl di Caserta per ragazzi affetti da

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi