Lo scudetto del Napoli diventa un sogno in musica lirica. Da “Sarò con te” ad “Abbracciame”: per Dries Mertens una dedica speciale del tenore pop Giuseppe Gambi

“Una dedica speciale in un luogo meraviglioso per un grande campione che da straniero riesce ad essere uno straordinario interprete dei valori più belli della napoletanità: dalla combattività all’allegria”. Così Giuseppe Gambi, tenore pop napoletano conosciuto in tutto il mondo e reduce dai successi del suo recente tour europeo (da Londra a Montercarlo), racconta l’emozionante dedica musicale per Dries Mertens, alla vigilia del suo settimo anno azzurro con la maglia del Napoli. La location d’eccezione è Villa Fiorentino a Positano in una meravigliosa serata al tramonto ideata dalla Maestra sciabolatrice, Paola Fiorentino. Prima della cena riservata a Mertens con la fidanzata Kat ed un gruppo di amici, l’apparizione a sorpresa di Giuseppe Gambi impegnato nel suo tour estivo italiano che farà tappa mercoledì 21 Agosto alle 21.30 a Villa Fondi a Piano di Sorrento. Con le sue proverbiali doti di improvvisazione a cappella, tipiche delle grandi voci della musica lirica, Gambi regala al campione belga, ormai ‘naturalizzato Ciro’ una versione lirica da brividi di “Sarò con te” il celebre coro del tifo napoletano che rappresenta ormai il tormentone del sogno azzurro del ritorno al tricolore a trent’anni dall’ultimo scudetto vinto dal Napoli di Maradona.

“Da piccolo andavo in Curva B – racconta Gambi – ma ho vissuto le emozioni del secondo scudetto che ero ancora un bimbo, perciò adesso mi piacerebbe godermi appieno ‘il Napoli che torna campione’ e magari avere l’onore di cantare per gli azzurri alla festa per il terzo scudetto. ‘Avere un sogno nel cuore’, non solo nel calcio, ci rende sempre vivi e la vitalità in campo e fuori dal campo di Dries Mertens rappresenta il simbolo vincente del Napoli di De Laurentiis”. Proprio il patron azzurro aveva invitato quasi 15 anni fa un giovanissimo Gambi ad esibirsi al San Paolo con una versione lirica de ‘O surdato ‘nnammurato. “Era il primo anno azzurro dell’era De Laurentiis – ricorda Gambi – e si giocava Napoli Padova, di cui ricordo nitidamente un emozionante goal risolutivo nel finale di un altro grande ‘straniero napoletano’: il Pampa Sosa”. Oggi il mio ‘abbraccio’ a Dries Mertens, con la dedica anche della canzone dell’amico Andrea Sannino a lui tanto cara, vuole essere un abbraccio ideale a tutta la squadra azzurra e a tutto il popolo azzurro, affinchè uniti si possa tornare presto a cantare per il nostro Napoli campione”.

Previous Il premier accusa il ministro di aver provocato "troppi strappi istituzionali", sottolinea che sei Paesi "sono pronti ad accogliere i profughi" e avverte: "La politica non è potere ma responsabilità"
Next A New York la vita di Lady Diana diventa un musical

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

ELIO PARIOTA:”SIAMO ENTRATI NELL’ERA TRANSUMANISTA. NON ALLARMIAMOCI.”

Chip, sensori ed elettrodi installati nel corpo umano. Altro che fantascienza, l’uomo bionico è già tra noi. Sono già molti che vivono con protesi metalliche intelligenti in grado di fare

Officina delle idee

PADRE PIZZUTI.” NATIVITA’ STRAORDINARIA E NATIVITA’ ORDINARIA.”

  Ieri mattina aspettando a Scampia il bus che tardava, una madre non proprio  giovane sosteneva sul suo corpo un figlio settenne stanco di aspettare. Improvvisamente mi si è aperta

Officina delle idee

“L’ARTE E LA VITA NELLE MANI”: LA PERFORMANCE ARTISTICA DI DE SIMONE IN MOSTRA AL SAACI/GALLERY

“L’Arte e la Vita nelle mani” è il nome dell’iniziativa culturale che ha per protagonista l’artista Vincenzo De Simone, in programma sabato 2 dicembre 2017, a partire dalle ore 18.00, presso la SAACI/Gallery sita

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi