LO SPAGNOLO NELLA LINGUA NAPOLETANA

La penetrazione dei prestiti dalla lingua spagnola nell’italiano è stato un fenomeno che si è evoluto nel corso dei secoli, raggiungendo nel’500 e ‘600 il periodo di maggiore influsso. La zona in cui le tracce di tale penetrazione sono più evidenti è l’Italia meridionale, dove il contatto con la lingua spagnola è stato più duratura e costante. Uno dei dialetti maggiormente ricco di ispanismi è, infatti, il dialetto napoletano.
Tre secoli e mezzo di spagnoli a Napoli non potevano non influenzare e indirizzare tutti i settori della società cittadina, lingua parlata e scritta compresa.
Vediamo in sintesi come alcune parole si sono introdotte nel nostro linguaggio, molte delle quali ancora oggi persistono.

– Abbuffà (gonfiare) da Bofar (soffiare, gonfiare).
– Alliffà/Alliffato (pulito, vestito con eleganza) da Alifar (pulire).
– Ammuinà/Ammuìna (fare confusione/Fastidi) da Amohinar (infastidire, irritare).
– Ammulà/Ammolaforbece (Arrotare, Affilare/Arrotino) da Amolar (idem).
– Amprèssa (in fretta) da Apriesa (prontamente).
– Arrassà/Arrasso (Allontanare/lontano) da Arrancar (allontanare, strappare ).
– Arravuglià/Arrevugliato (Avvolgere/Avvolto) da – Arrebujar-Arrebucarse (Avvolgere-Avvolgersi).
– Arrugnà/Arrugnato (Contrarre/Contratto-Raggrinzito) da Arrugar (contrarre-corrugare).
– Ascià (Cercare, Trovare) da Hallar (idem).
– Babbo-babbeo (idiota-sciocco) da Babieca (idem).
– Buffettone (ceffone) da Bofeton (idem).
– E quanno buono buono (espressione che indica assenso nei confronti di una cosa impossibile da evitare) da de bueno a bueno (d’accordo).
– Butteglia (bottiglia) da botella (idem ma anche dal francese buteille).
– Cagliosa (colpo molto forte) da Callao (ciottolo, pietra).
– Cammisa (Camicia) da Camisa (idem).
– Camorra (Associazione di delinquenti) da Camorra ( alterco, lite ).
– Canzo (opportunità) da Alcanzar (conseguire, raggiungere).
– Capaddozio (capintesta) da Capataz (caposquadra).
– Càpere/Capé (entrare, contenere) da Caber ( idem).
– Caponata (insalata di pane, cipolle, peperoni, acciughe ecc) da Capolar (tagliare a fette).
– Capuzziello ( arrogante, prepotente) da Cabezudo (caparbio, testardo).
– Còsere (cucire) da Coser ( idem).
– Coviglia (famoso gelato tipicamente napoletano/palermitano) da Cubillo (piccola botte così è la forma del contenitore del gelato).
– Crepato ( lesionato ) da Quebrado ( rotto )
– Culata ( bucato ) da Colada ( idem).
– Cu mmico/Cu ttico ( con me-con te ) da Conmigo – Contigo (idem).
– Cunto ( racconto, favola ) da Cuento (idem).
– Faglià/faglio ( mancare, essere privo/mancante, privo. E’ parola in uso nel gioco delle carte tressette ) da Fallar/falla (mancare, mancanza ).
– Faraglioni (scogli di Capri) da Farallòn (scoglio emergente alto dal mare).
– Falpalà (stoffa pregiata) da Falpalà (idem).
– Guappo (camorrista, prepotente) da Guapo (coraggioso, intrepido).
– Guardinfante (piccola culla trasportabile) da Guardinfante (idem).
– Lazzaro/Lazzarone (persona scostumata e malvestita) da Làzaro (cencioso, lebbroso).
– Locco (stupido, sciocco) da Loco (pazzo).
– Marranchino (ladro, individuo lercio) da Marrancho/Marrano (maiale, uomo sporco).
– Marvizzo ( pesce tordo ) da Malvis (tordo).
– ‘Mpanata (cibo ricoperto di farina o pangrattato e poi fritto) da Empanada (pasticcio di carni e piselli).
– ‘Mperruso (adirato come cane “arraggiato”) da Perro (cane).
– Muccaturo (fazzoletto da naso) da Mocador (idem).
– Muntone (mucchio) da Muntòn (idem).
– Muorzo (boccone) da Almuerzo (spuntino, colazione).
– ‘Ngarrà (centrare, indovinare, azzeccare) da Engarràr (acciuffare, afferrare).
– Nenna/Ninno (bambino, bambina) da Nino (idem).
– ‘Nfizzà/’Mpizzà (ficcare, introdurre, infilare) da Fijar (introdurre, fissare)
-‘Nfuscarse (irritarsi, stizzirsi, accigliarsi, stordirsi) da Enfoscarse (idem).
– ‘Ngrifarse (impennarsi, alterarsi, rizzarsi) da Engrifarse (idem).
– Nirufummo (nerofumo, uomo di carnagione scura) da negro de humo (scuro come il fumo)
– ‘Nzartà o ‘Nzertà (innestare, intrecciare) da Ensartar (idem).
– Omertà o Umertà (solidarietà, a volte la camorra stessa) da Hombredad (virilità), da Hombre = uomo
– Palià (bastonare, percuotere) da Apaleàr (idem).
– Palicco (stuzzicadenti) da Palillo (piccolo palo).
– Palomma ( colomba ) da Paloma (colomba).
– Papiello (il papiro universitario o un documento ponderoso) da Papèl (carta, documento).
– Passià – Passiata (camminare, camminata) da Pasear (passeggiare).
– Pella (cute, tegumento, contatto sessuale) anche – Pellecchia (buccia) da Pelleja (pelle, gonna, sottana, sgualdrina).
– Pippià (fumare la pipa – il bollire del ragù) da Pipiar (pigolare).
– Recchione (pederasta) da Orejones (nome dato dagli spagnoli (da oreja -orecchio) ai nobili peruviani viziosi e corrotti che si facevano forare ed allungare le orecchie
– Riffa (lotteria) da Rifa = idem – Rifar (sorteggiare)
– Riggiòla (mattonella, piastrella) da Rejela (piccola inferriata) o anche Rejol (pila di mattoni)
– Rollo (rotolo, involto rotondo) da Rollo (idem).
– Sbarià (vaneggiare, delirare, divagarsi) da Desvariar (farneticare).
– Scamuso (di qualità modesta, malandato ) da Escamochar (guastare, sciupare) o Escamocho (avanzi, resti)
– Scarfà (riscaldare) da Escalfar (idem).
– Scartapelle o Sciartapelle (mobilia vecchia, oggetto inutile) da Cartapel (carta o scritto inutile).
– Sciammeria (giacca elegante) da Chamberga o Chambergo (casacca, cappello a cencio).
– Scuppetta (fucile) da Escopeta (idem).
– Stare (nel senso di essere) da Estar (stare, essere). In lingua napoletana spesso stare sostituisce essere come in spagnolo.
– Tamarro (villano, cafone) da Tamara (piantagione di datteri) da cui il contadino che la cura.
– Tavuto (bara, cassa da morto) da Ataud (idem).
– Tenere (nel senso di avere, possedere) da Tenér (avere).
– Trezzià (scoprire le carte da gioco a poco a poco) da Terciar (dividere in piccole parti).
– Uòsemo (fiuto) da Osmar (idem).
– Valanza (bilancia) da Balanza (idem).

Previous LETTERA AD AURELIO DE LAURENTIIS: "LEI SI VANTA DI DUE COPPETTE..."
Next SI AVVICINANO LE ELEZIONI, MA QUANTI ANDRANNO A VOTARE?

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

L’anima perduta dell’Europa. I perché della violenza occidentale nel libro di Stefania Tarantino su Maria Zambrano e Simone Weil

All’indomani della festività della donna, ci piace particolarmente parlarvi di “Aneu metros/Senza madre. L’anima perduta dell’Europa. María Zambrano e Simone Weil” (La scuola di Pitagora editrice, 2014), libro della filosofa

Cultura

Al Trianon Viviani, Carlo Buccirosso nella sua commedia di successo Una famiglia… quasi perfetta!

venerdì 10 febbraio, alle 21, la “prima” nel teatro del popolo di Forcella Il tema della paternità e delle adozioni nella lettura comica di Carlo Buccirosso, autore, regista e protagonista

Cultura

EDITORIA NEL TEMPO :IDEE A CONFRONTO ALLA FIERA DEL LIBRO DI MANOCALZATI

E’ iniziato il conto alla rovescia per l’VIII edizione della Fiera del libro, organizzata dal Comune di Manocalzati nei giorni 4-5-6  maggio, con la direzione artistica di Donatella de Bartolomeis

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi