LO SPAM E’ ANCORA IL PIU’ USATO DAGLI HACKER

Lo spam è ancora il mezzo più usato dagli hacker.

Lo evidenzia una nuova ricerca di F-Secure e Mwr Infosecurity che mette in luce come ai cybercriminali “basta aggiungere pochi nuovi trucchi a questo classico metodo di attacco”. “Lo spam via e-mail è ancora una volta la scelta più comune per l’invio di virus malevoli.

Tra i campioni di spam che abbiamo rilevato nella primavera del 2018, il 46% riguardava truffe relative ad appuntamenti online, il 23% e-mail con allegati malevoli e il 31% conteneva link a siti web malevoli”, spiega Paivi Tynninen, ricercatore di F-Secure. Il primo messaggio spam è stato inviato il 3 maggio del 1978 per motivi commerciali, l'”invenzione” si deve a Gary Thuerk, responsabile marketing di una società informatica, la Digital Equipment Corporation.

Previous Pepsi, dopo 12 anni lascia Indra Nooyi
Next PAPA FRANCESCO AI GIOVANI :" RINUNCIARE AL MALE SIGNIFICA DIRE NO ! BISOGNA SAPER PERDONARE "

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Arec, D’Amelio: “Si promuovano incontri nelle scuole sull’alimentazione di qualità” Consegnate le due borse di studio per il Dottorato in Ricerca di Scienze Agrarie e Agroalimentari dell’Università Federico II di Napoli

“E’ sempre un piacere poter premiare due giovani che si distinguono nello studio. Ringrazio perciò l’A.R.E.C., che, come ogni anno, ha indetto un bando rivolto agli studenti universitari, dando la

Officina delle idee

MASSIMIZZARE LA CRESCITA E RIDURRE IL DEBITO, L’AUSTERITÀ NON FUNZIONA

*di Paolo Paleotti Guerrieri, economista senatore PD L’AUSTERITÀ NON FUNZIONA Nell’ultimo anno è del tutto cambiato il contesto internazionale ed europeo con gli indicatori che segnalano un rallentamento globale. È su

Officina delle idee

14 LUGLIO 1789: INIZIA LA MODERNITÀ

Il 14 luglio non è soltanto la festa nazionale dei francesi. E’ la festa di tutti quelli che apprezzano la democrazia moderna: il cammino della modernità politica iniziò quel giorno.

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi