LOOT BOXES, LE NUOVE ‘TRAPPOLE’ DEI VIDEOGIOCHI

I Loot boxes  in molti paesi sono stati addirittura vietati. I giovani appassionati di giochi on line sanno di cosa si tratta  e non sempre si rendono conto delle potenzialità negative di questi forzieri.Simone Feder, psicologo, giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Milano, coordinatore dell’Area Giovani e dipendenze nella comunità Casa del Giovane di Pavia, leader del movimento No Slot, afferma che: “Sono dei pacchetti presenti all’interno di videogames (per esempio FIFA 18, Overwatch, Counter-Strike: Global Offensive, Star Wars Battlefront II) che si possono acquistare tramite l’utilizzo di soldi (veri o virtuali) e permettono di migliorare l’esperienza di gioco sia a livello di potenzialità che a livello estetico del proprio avatar (skin). L’utente si trova a poter scegliere (nessun obbligo sia chiaro) di comprarli sperando di trovare al loro interno quella particolare arma, potenzialità, caratteristica che cercano, senza avere la garanzia che questo succeda. Ad oggi sono state vietate in alcuni paesi perché riconosciute assimilabili al gioco d’azzardo per via delle loro caratteristiche”. Inoltre, la mentalità che creano nei più giovani, caratterizzata dall’affidarsi alla fortuna e utilizzare denaro, invece delle proprie abilità, per poter avanzare nel gioco senza far fatica.Molti ragazzini nelle scuole, in particolare scuole medie, infatti, dicono di aver speso soldi per acquistare questi pacchetti. Non che siano il male assoluto ma certo i genitori devono sapere di cosa si tratta.

 

Previous L'ALBERO DI NATALE DI SKY DIVENTA UN'OPERA DI DESIGN
Next NAPOLI: UN UOMO SI DENUDA DAVANTI AD UNA SCUOLA. E' RICERCATO

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

CIAMBRIELLO:”LA TESTIMONIANZA DI DON GIUSEPPE DIANA CHE FA DELLA GIUSTIZIA LA VIA PRIORITARIA PER GIUNGERE ALLA LIBERTA’.”

Sono trascorsi 26 anni dalla pubblicazione del documento“per amore del mio popolo” che don Peppe Diana e i confratelli sacerdoti della Forania di Casal di Principe(otto parroci) vollero consegnare alla

Officina delle idee

“Romanzo Quirinale”. Alle 16 giuramento del Governo Conte

ALLE 22 CONTE RICEVE L’INCARICO DAL COLLE Alle ore 22 Giuseppe Conte e’ salito al colle per la fiducia accordata dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella  in una delle giornate

Officina delle idee

«Comunicare speranza e fiducia».Mercoledì ad Acerra. Intervengono il Vescovo Antonio Di Donna, e il giornalista Pietro Perone, Capo Area politica/economia del quotidiano “il Mattino”

    Il Vescovo Monsignor Antonio Di Donna, e il giornalista dott. Pietro Perone, Capo Area Politica Economia del quotidiano nazionale “Il Mattino”, interverranno ad Acerra mercoledì 25 gennaio 2017

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi