Luca Barbareschi: “Penso ad un premio teatrale dove sia il pubblico a decidere”

In occasione della sinergia per il centenario del Teatro Eliseo, l’attore e direttore artistico dello storico Teatro di Via Nazionale, Luca Barbareschi, svela l’idea di promuovere per il futuro un riconoscimento per il teatro in cui sia il pubblico a decretare i vincitori.

Pensiamo in futuro a nuove collaborazioni con il “Penisola Sorrentina” magari per rinforzare un riconoscimento legato al teatro, dove però sia il pubblico il vero giudice. Penso in particolare ad un premio come ad esempio sono i Cervantes, i Moliere, i Tony Awards negli altri Paesi.  Un premio allora che spinga il mercato a venire al teatro, le persone a comprare i biglietti” spiega Luca Barbareschi, presidente per la sezione teatro della kermesse internazionale inserita nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

“Sosteniamo le tradizioni perché le tradizioni poi si sostengano. È il detto vittoriano su cui è costruito il Premio Penisola Sorrentina. È un premio che ha una sua istituzionalità e una grande serietà”, dice ancora Barbareschi.

In un momento così difficile come il nostro in cui si tende a sdrammatizzare, io sono un vecchio che crede nelle istituzioni, avendole anche frequentate, auspicando un profondo investimento nella cultura”, conclude l’attore e regista romano.

 

Previous NAPOLI ,RIPRESA DEGLI ALLENAMENTI :GLI AZZURRI PREPARANO IL MATCH COL FROSINONE
Next Dottoressa aggredita davanti all'ospedale di Crotone

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Ischia, va in scena la mostra “ONIRICAmente – Il sogno creativo di una realtà nascosta”

“ONIRICAmente | Il sogno creativo di una realtà nascosta” è il titolo della mostra, curata da Gina Affinito, che sarà ospitata presso il parco “Giardini Ravino” di Villa Ravino a Forio

Spettacolo

ARTURO BRACHETTI AL TEATRO PALAPARTENOPE DAL 17 AL 19 FEBBAIO

Siamo sicuri che il quadro appeso al muro sia solo un quadro? Chi ha la certezza che una volta chiusa la porta e spenta la luce, i libri non prendano

Cultura

Dalle Mafie alla Terra dei Fuochi: le inchieste giornalistiche che diventano libri

Le inchieste giornalistiche che diventano libri. Sarà questo uno dei temi principali del nuovo appuntamento con “Le nuove frontiere del giornalismo del Terzo Millennio”, il ciclo di incontri ideato e

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi