L’UFFICIO STUDI DELLA CGIA PREVEDE 123MILA NUOVE ASSUNZIONI, MASON:” SE DAL 1 GENNAIO TERMINERA’ LA POLITICA MONETARIA ESPANSIVA, MOLTO PROBABILMENTE ASSISTEREMO A UN PROGRESSIVO AUMENTO DEI TASSI DI INTERESSE”

L ’Ufficio studi della Cgia stima che nell’ultima parte dell’anno potremo contare su 123mila nuovi occupati e 36mila disoccupati in meno, su base Istat. Nonostante le previsioni siano positive, vi è un gap, infatti rispetto a 10 anni fa lo stock medio degli occupati nel secondo semestre di quest’anno sarà inferiore di 142.000 unità mentre i disoccupati saranno 1.447.000 in più, quasi il doppio del  dato pre-crisi. Si manifesta, se pur ancora latente, una ripresa economica sul piano del lavoro. Il Segretario della Cgia Renato Mason, afferma che: “Se dal prossimo 1 gennaio terminerà la politica monetaria espansiva, cioè il Quantitative Easing introdotto dalla Bce in questi ultimi anni, molto probabilmente assisteremo a un progressivo aumento dei tassi di interesse che innalzerà il costo del nostro debito pubblico, mentre gli investimenti saranno meno convenienti. Per un Paese come il nostro che ha uno dei debiti pubblici in rapporto al Pil tra i più elevati al mondo  lo scenario prossimo futuro rischia di risultare, in termini di principali indicatori economici, ancora troppo lontano rispetto all’apice economico di 10 anni orsono”.

C’è da far fronte ad una disuguaglianza  di 3,4 punti percentuali di consumi delle famiglie, di 5,9 punti di Pil, di 7,3 punti di reddito disponibile delle famiglie e di 24,8 punti di investimenti ,pubblici e privati, e il tasso di disoccupazione, rispetto a dieci anni fa. A giugno 2017 erano circa 145 i tavoli di crisi aperti presso il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Economico: 26 interessavano l’industria pesante, 14 il settore delle telecomunicazioni/software, 11 la componentistica elettrica/elettronica e altrettanti nel tessile-abbigliamento-calzature e arredo. A livello regionale, racconta la Cgia  gli stabilimenti  in stato di crisi erano 37 in Lombardia, 29 nel Lazio e sia in Campania che in Veneto 24. Dei 145 tavoli, 9 riguardano aziende italiane

. Il Coordinatore dell’Ufficio Studi della CGIA, Paolo  Zabeo, racconta delle piccole imprese che rischiano di chiudere: “Senza contare le migliaia di piccolissime imprese e di artigiani che sempre più a corto di liquidità, a causa della stretta creditizia praticata dalle banche e dai ritardati pagamenti decisi dai committenti, rischiano, nel silenzio più totale, di chiudere definitivamente i battenti”. Sulle previsioni fatte  dal Governo di introdurre un nuovo provvedimento che dal 2018 agevoli l’assunzione dei giovani attraverso una forte decontribuzione previdenziale, la CGIA ricorda che negli ultimi anni il cuneo fiscale è stato “tagliato” in misura strutturale di 13,3 miliardi di euro l’anno di cui 8,9 tramite  il bonus Renzi e di altri 4,3 miliardi con l’eliminazione dell’Irap dal costo del lavoro per i dipendenti assunti con un contratto stabile, a lungo termine. Zabeo, conclude sulla possibilità di tagliare l’Irpef, così:“Forse  sarebbe più opportuno intervenire tagliando l’Irpef. I posti di lavoro si creano se riparte l’economia, se con più soldi in tasca le famiglie tornano a sostenere la domanda interna e non attraverso misure artificiose. Intervenendo sull’imposta sui redditi delle persone fisiche, inoltre, ne trarrebbero vantaggio anche i pensionati e i lavoratori autonomi che, purtroppo, in questi ultimi anni non hanno benefici

Previous AL PAN, PALAZZO DELLE ARTI DI NAPOLI, CONTINUA L'ESTATE ROCK ALL'INSEGNA DELL'ARTE CONTEMPORANEA
Next E' MORTO VINCENZO ABATE,IL SIGNORE DELLE NASCITE. ECCO ANEDDOTI E RITRATTO DEL FAMOSO GINECOLOGO NAPOLETANO

L'autore

Può piacerti anche

Economia e Welfare

AGROALIMENTARE, D’AMELIO: “PROGETTO SEEDS È OPPORTUNITÀ PER CHI VUOLE SPECIALIZZARSI E IMPARARE LE LINGUE”

“Il Progetto Erasmus plus è molto interessante per i giovani che hanno frequentato le scuole professionali e che hanno conseguito il diploma: in cento avranno la possibilità di studiare all’estero

Economia e Welfare

Continua il progetto “OLTRE LE MURA DELL’INDIFFERENZA” nel carcere di Secondigliano.

“OLTRE LE MURA DELL’INDIFFERENZA” , il progetto promosso dall’associazione “La Mansarda”presieduta da Samuele Ciambriello funziona. L’iniziativa continua ad avanzare, rompendo i pregiudizi con cui si trovano a vivere giornalmente i

Economia e Welfare

OSSERVATORIO REGIONALE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI: LA CAMPANIA È GIÀ MODELLO NEL SUD

“I dati sulla raccolta differenziata in Campania contenuti nel rapporto nazionale Ispra sui Rifiuti Urbani, ripresi questa mattina da Legambiente in occasione della giornata conclusiva dell’EcoForum, ci dicono che il

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi