Lunedì 11 febbraio Teatri di Bari porta in scena “Anfitrione”

Inizia lunedì 11 febbraio, al Teatro Diana di Nocera Inferiore, alle ore 21, la rassegna teatrale di Artenauta Teatro “L’Essere & l’Umano”, diretta artisticamente da Simona Tortora, in collaborazione con il Teatro Pubblico Campano; l’organizzazione è a cura di Giuseppe Citarella. La rassegna, giunta alla V edizione, porta in scena come primo spettacolo, in collaborazione con il Tpc, “Anfitrione”, una produzione Teatri di Bari, che affronta un testo molto rappresentato ma che non finisce mai di stupire e che ingaggia sempre con il pubblico una sfida sul tema dell’identità. Ad ogni allestimento, soprattutto se come questo particolarmente indovinato, si risvegliano inquietanti dilemmi che cercano risposte. Ma nei meandri della mente non è facile districarsi. Teresa Ludovico, che ha riscritto l’opera curandone anche la regia, spiega: “Il doppio, la costruzione di un’identità fittizia, il furto dell’identità, la perdita dell’identità garantita da un ruolo sociale, sono i temi che Plauto ci consegna in una forma nuova, da lui definita tragicommedia, perché gli accadimenti riguardano dei, padroni e schiavi. In essa il sommo Giove, dopo essersi trasformato nelle più svariate forme decide di assumere le sembianze di Anfitrione. Dopo Plauto in tanti hanno riscritto l’Anfitrione e ciascuno l’ha fatto cercando di ascoltare gli stimoli e le inquietudini del proprio tempo. Ho provato a farlo anch’io”. Sul palco Michele Cipriani, Irene Grasso, Demi Licata, Alessandro Lussiana, Michele Schiano di Cola, Marco Falco Matà; musiche dal vivo del M° Michele Jamil Marzella; spazio scenico e luci di Vincent Longuemare.

Previous FIORENTINA-NAPOLI :0-0. AZZURRI SPRECONI SOTTO PORTA! OCCASIONE FALLITA PER LA SQUADRA DI ANCELOTTI
Next PARIOTA:" A VENEZIA TASSA PER I TURISTI E INCUBO GABBIANI!"

L'autore

Può piacerti anche

Cultura

Napoli, quel terribile 1943

Era il 4 aprile 1943, quando gli aerei americani lanciarono su Napoli un autentico diluvio di bombe. In città nessun quartiere poteva definirsi sicuro, mentre dal cielo pioveva di tutto,

Cultura

ARABISMI NELLA LINGUA NAPOLETANA

La storia dell’incontro tra gli Arabi e la città di Napoli (o meglio, la Campania) si può racchiudere circa in un secolo: dalla richiesta di aiuto dei napoletani agli arabi

Cultura

“LIBERO”, I GIORNALISTI IN SOLIDARIETÀ CHIEDONO RISPOSTE ALL’AZIENDA SUL FUTURO

L’assemblea dei giornalisti di “Libero” esprime amarezza e forte preoccupazione per le mosse dell’azienda che, dopo aver chiesto l’ennesimo sacrificio alla redazione, ha deciso di investire i risparmi ottenuti per

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi