L’Università che porta il cinema dagli studenti

20150326_152911È partito l’11 marzo a Napoli un nuovo corso universitario per gli amanti di cinema e teatro, si chiama “Laboratorio delle produzioni audiovisive teatrali e cinematografiche” ed è nato da un’idea del regista Francesco Giordano. Quest’attività laboratoriale, messa al bando dall’Università Orientale di Napoli, ha il grande pregio di essere stata pensata per “portare il mondo del lavoro agli studenti”, come ci ha spiegato il professor Francesco Giordano, poiché solitamente l’Università offre agli studenti esclusivamente una preparazione teorica senza dare loro la possibilità di fare un’esperienza concreta. Uno dei ragazzi del corso, Giovanni, ha sottolineato come proprio questo sia un pregio del laboratorio e che lo contraddistingue rispetto ad altri corsi,  utile ai fini di approfondire e incanalare questa loro passione. pino sondelli - francesco giordanoNon ci stupisce, quindi, che Giovanni dica “Il corso è molto interessante perché entra in meriti tecnici, spiega cos’è la scena, cos’è l’inquadratura, i vari movimenti di macchina, etc.” e, soprattutto, non ci meraviglia che a parlare ai ragazzi, nell’appuntamento di giovedì 26 marzo, sia stato un professionista dal forte carisma e dall’eccellente curriculum, abituato al rapporto con i giovani, essendo anche prof. dell’Accademia di Belle Arti di Nola, parliamo del regista e direttore di fotografia Pino Sondelli.

Giuliana Del PozzoL’incontro ha assunto le dinamiche di una lezione innovativa in cui giovani dell’Accademia e gli studenti dell’Orientale sono stati riuniti in un proficuo gemellaggio grazie all’organizzazione impeccabile di Giordano e Sondelli. Giordano ha avuto cura di illustrare quanto fatto nelle precedenti lezioni: “Per organizzare un’azienda di produzione cinematografica, televisiva e teatrale è fondamentale  anche la conoscenza degli aspetti tecnici oltre a quelli gestionali, dunque cosa significa ricercare finanziamenti al Mibact, e tutta una serie di altri supporti finanziari; abbiamo parlato di sponsorizzazioni private, co-produzioni, e via dicendo”. Dunque, molto curato anche l’aspetto economico (nozioni di organizzazione ed economia dello spettacolo e organizzazione dell’azienda di produzione teatrale, cinematografica e televisiva) oltre ovviamente a quello più prettamente artistico con le lezioni sulle varie fasi di pre-produzione  (redazione delle sceneggiature, piani di produzione), produzione (regia, fotografia, luci e musiche) e post-produzione(montaggio ed effetti speciali) e sulle varie figure del mondo dello spettacolo: dal regista, al produttore, passando per lo sceneggiatore e il direttore di fotografia. Non a caso, le ultime due lezioni hanno visto parlare agli studenti proprio una sceneggiatrice, Giuliana Del Pozzo, e un direttore di fotografia illustre quale Pino Sondelli.

20150326_163435La lezione di Pino Sondelli, partita dalla suggestiva domanda “Dov’è la luce?” è stata molto affascinante, non solo per quanto appreso e mostrato anche praticamente dal maestro, con l’allestimento di un piccolo set cinematografico,  l’individuazione di una studentessa inventatasi attrice e un’altra improvvisatasi cameraman, ma anche per quanto trasmesso, quasi come consiglio paterno, dallo stesso Sondelli: “Uno degli aspetti fondamentali di questo mestiere è crederci e non sentirsi mai arrivati. Il mio motto <è guardo l’orizzonte perché è lì che voglio arrivare>”. Una frase che, se si riflette sulla natura effimera dell’orizzonte, esistente solo nella distanza, dona il senso dell’impegno artistico, di continuo accrescimento, coraggio e modestia, nonostante i risultati raggiunti.

Va detto, poi, che questo corso, così ben allestito e pensato da Francesco Giordano, è riuscito a far breccia anche in chi di CFU non aveva bisogno, mostrando come il percorso universitario non punti solo al raggiungimento di un punteggio ma debba essere sempre più un periodo di crescita, nell’opportunità offerta ai ragazzi di dare profondità alle proprie passioni anche, anzi forse soprattutto, immettendoli nella realtà concreta di queste.

Bellissimo lo spot che a fine lezione i ragazzi dell’Accademia hanno mostrato agli studenti dell’Orientale, e che vi mostriamo a nostra volta nel video tratto da youtube: “Il cinema non è solo una forma d’arte, in realtà è una nuova forma di vita”.

 

Previous Stefano Caldoro, è corsa contro il tempo per spendere i fondi europei
Next Gomorra, tra fiction e realtà. Il web diviso: è giusto parlarne?

L'autore

Può piacerti anche

Officina delle idee

Biotestamento, Camera approva ddl. Per il biotestamento “un metodo costituente.” Un gruppo di Deputati cattolici: “Decretata morte per fame e sete”.

L’Aula della Camera ha approvato con 326 voti a favore la legge sul biotestamento. Il testo ora passerà al Senato per l’approvazione definitiva. Nelle schermaglie delle ultime ore Il Movimento

Officina delle idee

CAMPANIA : IL MUSEO NAVIGARE APPRODA NELLE SUE ACQUE

Il 9 gennaio 2018 è partito da Cesenatico, per un lungo giro della penisola, il Museo Navigante, ospitato a bordo della goletta “Oloferne” – un’ imbarcazione d’epoca costruita a Messina nel

Officina delle idee

Tutto inizia nel lontano 1998: 170 lavoratori vengono inseriti nell’organico di Ipercoop Avellino che apre il 14 luglio dello stesso anno.

Tutto inizia nel lontano 1998 dopo una lunga serie di test psicoattitudinali… 170 lavoratori vengono inseriti nell’organico di Ipercoop Avellino che apre il 14 luglio dello stesso anno. Da allora,

1 Commento

  1. Pentastellato
    marzo 28, 21:40 Risposta
    Bellissima iniziativa, fa piacere che a Napoli ci siano queste realtà. Complimenti per l'articolo

Rispondi