“L’UOMO CHE MISURA LE NUVOLE”: SUL TERRAZZO DEL MUSEO MADRE DI NAPOLI, MISURA IL SUO IMMENSO CIELO

Agosto e’ il mese degli ingressi gratuiti, per il quinto anno consecutivo, Museo Madre Museo di Arte Contemporanea Donnaregina. Una bella occasione per scoprire, nelle visite guidate gratuite con gli operatori del Madre, anche una delle ultime opere esposte al Museo.  Sul terrazzo del palazzo Donnaregina c’è infatti da poco tempo esposta l’opera iconica dell’artista belga Jan FabreL’uomo che misura le nuvole (versione americana, 18 anni in più).

“L’uomo che misura le nuvole” sui tetti di Napoli è infatti una scultura che sarà visibile fino al 19 dicembre 2017, un inno alla capacità di continuare a sognare e si ispira all’affermazione che l’ornitologo Robert Stroud pronunciò quando fu liberato dalla prigione di Alcatraz: “D’ora in poi misurerò le nuvole”. L’uomo che misura le nuvole in cima a una scala è anche un omaggio al fratello minore di Fabre, sognatore deceduto presto La scultura si chiama in questo modo “L’uomo che misura le nuvole (versione americana, 18 anni in più) 1998 – 2016″,  perché è tornata a Napoli, in questa  versione, dopo l’esposizione del 2008 in Piazza del Plebiscito nell’ambito del progetto “Il ragazzo con la luna e le stelle sulla testa” a cura di Eduardo Cicelyn e Mario Codognato. La scultura misura l’immenso cielo partenopeo, le nuvole, il suo drappo di stelle .

Previous Estate: in vacanza 34,4 milioni italiani
Next AEREOPORTO DI CAPODICHINO: RECORD STORICO, OLTRE UN MILIONE I PASSEGGERI IN TRANSITO

L'autore

Può piacerti anche

Approfondimenti

CAMPANIA: L’ANTICA CALES, CITTA’ AURUNCA IN PROVINCIA DI CASERTA, CROCEVIA DI GRANDI CIVILTA’

Zuni, Visciano e Petrulo sono le frazioni che compongono il paese sito nella provincia di Caserta, Calvi Risorta, l’antica Cales, città aurunca crocevia di grandi civiltà. Sede di etruschi, latini, sanniti e

Approfondimenti

Ministero della Salute libanese e Spagnolo: allerta su integratori alimentari “Red Deer”, ZR e Best, venduti on line.

Tramite il sistema d’allerta per alimenti e mangimi sul mercato internazionale è scattato un richiamo comunitario di sicurezza rilanciato in Libano dal Ministro della Salute, Wael Bou Faour di uno

Approfondimenti

Coronavirus, bisogna pulire i nostri cellulari?

C’è un fatto che forse al coronavirus dobbiamo riconoscere: le nostre mani e le nostre case non sono mai state così pulite come ora. Ma se è vero che prestiamo

0 Commenti

Non ci sono commenti!

Sii il primo a commenta l'articolo!

Rispondi